FacebookRSS Feed





 

 
Il forum nobiliare dell'U.N.I. è un servizio curato dalla segreteria.
Basta inviare una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e dopo opportuna verifica il Web Master, verranno inserite le vostre argomentazioni in codesta pagina.
Il Forum è anche consultabile sulla relativa pag. Facebook all'indirizzo 
https://www.facebook.com/pages/UNI-FORUM-Nobiliare-2/324937580990457?fref=ts

 

 
29.03.2014

Buona sera, grazie per questo forum.Vorrei avere news sull'UNI.Grazie. LP.L.

29.03.2014

Buona sera, grazie per questo forum.Vorrei avere news sull'UNI. Grazie. M.I.

29.03.2014

Buona sera l'UNI (Unione della Nobiltà d'Italia), è attualmente la più antica, e prestigiosa realtà nobiliare Italiana. Vedute infatti le difficoltà organizzative in cui versava il Corpo della Nobilta’ Italiana (CNI), come infatti dimostra il fatto che nel novembre 2010 l’associazione della Sardegna è uscita proprio dal Corpo della nobiltà italiana, seguita poi da altre delegazioni regionali “a seguito di profonde divergenze in tema di riconoscimento di diritti nobiliari”, come dimostra anche il deperimento del sito internet CNI nonché Wikipedia, al fine quindi di difendere i diritti delle famiglie nobili Italiane, con rinnovata efficacia, nonchè aiutare le medesime in difficoltà economica, un gruppo di gentiluomini Torinesi, ha concertato di ricostituire l’Unione della Nobiltà d’Italia. In data 27 marzo 2014 alle ore 16:48 è stata quindi formalmente ricostituita l’UNIONE DELLA NOBILTA’ D’ITALIA (U.N.I.) con regolare statuto notarile, firmato presso lo studio notarile Cristino, sito in Corso Re Umberto n.78 a Torino. L’UNI è quindi la ricostituzione della più antica associazione nobiliare, sorta con rogito il 21 dicembre 1951, che sino al 1980, anno della fusione con il C.N.I, silenziosamente e discretamente svolse un’azione caritativa in favore dei nobili che non avevano mezzi di fortuna. La ricostituita UNI in linea di massima è la formazione di un “ruolo nazionale” della nobiltà italiana fondato sull’autorità dell’intero corpo nobiliare, nel quale sono accolte “le famiglie i cui componenti sono in attuale possesso dei tradizionali caratteri e requisiti nobiliari morali e sociali”. Lo scopo espresso dai suoi fondatori è quello di tutelare, almeno nel privato, i discendenti di coloro che ebbero la concessione di un titolo nobiliare, e pertanto anche di uno stemma gentilizio, o di cittadinanza, titoli privi oggi di valore legale e non riconosciuti dagli organi della Repubblica Italiana dopo l’entrata in vigore della Costituzione italiana nel 1948. La ricostituita UNI sita nella sua sede storica di Torino, nell’ottocentesco palazzo di via Magenta n. 61 ha quindi sia lo storico fine di aiutare, supportare, la nobiltà italiana in difficoltà economica, nonché il nuovo scopo di tutelare la nobiltà italiana e di investigarne e accertarne le eventuali ulteriori spettanze con “attestazioni e certificazioni di giustizia” ad aggiornamento e integrazione dei riconoscimenti già ufficiali, organizzato, sull’esempio della passata Consulta Araldica del Regno d’Italia, nei suoi organi centrali e locali, vale a dire Presidenza, Giunta e Commissioni regionali. Con le “certificazioni di giustizia” l’associazione accerta e riconosce, sul solo piano morale, la validità dei diritti, delle qualifiche nobiliari e degli stemmi araldici delle singole persone. La funzione della ricostituita UNI non è quella di creare, o meglio concedere, dei nuovi titoli nobiliari che prima non esistevano, ma solo quella di accertare la validità delle documentazioni che gli vengono sottoposte, per provare l’esistenza di titoli, o di stemmi, che già esistevano prima del loro accertamento. I provvedimenti dell’associazione, nelle intenzioni dei soci, si prefiggono di tutelare i diritti storici dei nobili italiani. Nelle prossime settimane sarà reso noto l’organigramma ufficiale dell’U.N.I. visionabile sul sito internet attualmente in costruzione, ma del quale esiste già la pag. Facebook all’indirizzo Facebook.

E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Segretario

Michele Ferrero

http://www.notiziarioaraldico.info/201403316031/rinasce-lunione-nobiliare-italiana/

29.03.2014

E' anche l’unico ente il cui regolamento interno, prevede tradizionalmente le proprie riunioni presso le monumentali sale di Palazzo Carignano in Torino; possibili grazie alla concessione della gentile amministrazione del prestigioso Museo del Risorgimento Italiano di Palazzo Carignano.

L.O.

29.03.2014

Rispondo a L.O.

Non solo.

L'UNI è l'unica associazione nobiliare, che indica come Presidente onorario, il pretendente al trono d'Italia. O.L.

29.03.2014

Rispondo a O.L.

Lo statuto dell'UNI è scaturito poi dallo statuto Albertino!

Regolamenti, disposizioni, organigramma, e organizzazione, sono infatti ricalcati dallo statuto Albertino (ovviamente aggiornato ad oggi).

Queste peculiarità, fanno dell'UNI la regina delle associazioni nobiliari.

L.O.

 

I decori della storica sede dell'U.N.I. a Torino

 

Torino-Ingresso della sede U.N.I.

 

Torino-Statua equestre di Re Carlo Alberto, fronte palazzo Carignano.

 

Ingresso palazzo Carignano

2.04.2014

COMUNICATO:

GRAZIE ALLA CORTESE COLLABORAZIONE DELL'AMMINISTRAZIONE DEL MUSEO DEL RISORGIMENTO DI PALAZZO CARIGNANO A TORINO, E COME QUINDI SANCITO DAL REGOLAMENTO INTERNO DELL'UNI, LE RIUNIONI DELL'ASSEMBLEA DEI SOCI-FONDATORI, POSSONO AVERE LUOGO NEL...LE SALE CHE OSPITARONO IL PRIMO PARLAMENTO ITALIANO. Palazzo Carignano (Palass Carignan in piemontese) è l' edificio storiconel quale nacque Vittorio Emanuele II di Savoia (primo Re d'Italia), e rappresenta uno dei più pregevoli esempi di architettura barocca. È costituito da due diversi corpi di fabbrica ed è situato nel centro di Torino. Insieme a Palazzo Reale e a Palazzo Madama fa parte dei più importanti edifici storici della città e, come questi, è parte del sito seriale UNESCO Residenze Sabaude. Ospita attualmente il Museo nazionale del Risorgimento italiano, che infatti ne noleggia ambienti e sale.

Nella foto esterno del palzzo.

IL SEGRETARIO Michele Ferrero.

 

 

 

 

2.04.2014

COMUNICATO:

Stasera 2.04.2014 l'Assemblea dei SOCI-FONDATORI dell'U.N.I. ha avviato confronti interni, al fine di stabilire una data per tenere le elezioni che dovranno designare il PRESIDENTE, alla guida dell'ente per i prossimi 3 anni. Vi terremo aggiornati.

Nella foto il parlamento subalpino (palazzo Carignano).

LA SEGRETERIA

2.04.2014

Bene!

U.L.L.

 

 

Nella foto il parlamento subalpino (palazzo Carignano).

 

 

 

28.042014

COMUNICATO

Oggi 28 aprile 2014 alle ore 10:09 il Consiglio dei Membri fondatori dell'Unione della Noibiltà d'Italia, ha nominato all'unanimità quale Presidente dell'ente, il barone Ettore Gallelli Benso.

CURRICULUM

IMPRENDITORE AGRARIO A TITOLO PRINCIPALE, Titolare Azienda Agraria barone Gallelli di Badolato.

http://www.agrariagallelli.it/

-Presidente Società immobiliare -DAVIT S.A.S. DI GALLELLI BENSO ETTORE &C.

http://www.informazione-aziende.it/Azienda_DAVIT-S-A-S-DI-GALLELLIBENSO-ETTORE-C.

-Vicepresidente delegato alle energie rinnovabili, Conf. Agricoltura Catanzaro.

http://www.confagricoltura.it/ita/sedeconfagricoltura/calabria_catanzaro/confagricoltura-catanzaro.php

-Proprietario <<Castello Gallelli>> Location Eventi.

http://www.castellogallelli.it/

-Proprietario Casa Editrice -Ettore Gallelli-edizioni.

http://www.caccialavolpe.it/index.php?p=ettore-gallelli-editore

-Presidente fondatore e Master del Club Calabrese per la caccia alla volpe simulata a cavallo, della tenuta di Pietranera.

http://www.caccialavolpe.it/

-Presidente fondatore del Club Reale Principe Eugenio di Savoia.

http://www.eugeniodisavoia.it/

-Presidente fondatore Associazione Storica di Badolato "Benedetto Croce".

http://www.badolatostorica.it/

-Cavaliere Jure Sanguinis del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Gran Maestro Infante di Spagna.

http://www.constantinianorder.org/commission-italy/sacro-militare-ordinecostantiniano-

di-san-giorgio.html

LA SEGRETERIA

 

Barone ettore Gallelli Benso, Presidente delegato U.N.I.

 

Torino-via Magenta n. 61, sede Nazionale U.N.I.

 

Torino, via Magenta n. 61, sede Nazionale U.N.I.

 


Il citofono, e l'ingresso della sedenazionale dell'U.N.I.

 

L'ingresso del palazzo U.N.I

 

 

 

Mercenasco (Cn) Castello Benso, delegazione U.N.I. per il Nord.

(Nobile Alessandro dei conti Benso).

 

Roma, Via Roccaporena n. 51 delegazione U.N.I. per il Centro.

(Baronessa Isabella Corsi di Turri).

 

Badolato (Cz) delegazione U.N.I. per il Sud(Barone Vittorio Gallelli).

 

 

Le riunioni della Consulta dei Nobili d’Italia, e dell’Ufficio di Presidenza dell’Unione della Nobiltà d’Italia, è previsto possano aver luogo nelle storiche sale del Museo del Risorgimento Italiano in Palazzo Carignano, grazie infatti alla relativa autorizzazione della gentile segreteria, e quindi disponibilità d’uso tra quelle concesse.

 

29.03.2014

Buona sera, i miei complimenti per la rifondazione dell'U.N.I.

P.L.

29.03.2014

Bene !!

L.I.

29.03.2014

Bravi...bella iniziativa!

L.L.

29.03.2014

Complimenti! Una grande risorsa.

P.L.

29.03.2014

Come ci si iscrive?

L.O.

29.03.2014

Felicitazioni. Grandii!

E.S.

29.03.2014

Bene!

Bravi!

U.S.

29.03.2014

Salve, un info. avete notizie di un opera denominata QUADERNI SGI??

Grazie

L.L.

29.03.2014

Buona sera, l'unica opera denominata QUADERNI S.G.I. che risulta depositata al pubb. Registro per la tutela del diritto d'autore, è quella edita da Ettore Gallellieditore.

Io il primo numero i foto, ove compare unarticolo pubblicato sul Valentino (Cesare Borgia), all'interno della collana di studi denominata: “QUADERNI”, edita dal 2009 dalla Ettore Gallelli-edizioni, (come risulta dal deposito presso il pubblico ufficio per la tutela del diritto d'autore);

30.03.2014

Scrivo per avere info sull'ultimo (quinto-conclusivo volume) dell’opera <<STORIA DEI FEUDI E DEI TITOLI NOBILIARI DELLA CALABRIA>> opera pregevolissima, il cui primo volume, a cura dello storico Mario Pellicano Castagna, venne stampato nel 1978.

B.B.

1.04.2014

Rispondo a B.B.

Io posseggo l'ultimo volume <<STORIA DEI FEUDI E DEI TITOLI NOBILIARI DELLA CALABRIA>>, a cura di ettore Gallelli-editore.

La cosa che ho apprezzato maggiormante dell'opera, sono i passaggi feudali, chiarissimi, che sono stati anche esaurientemente riportati dal grande feudista calabrese Mario Pellicano Castagna, che nel 1° volume della Sua monumentale opera "La Storia dei feudi e dei titoli nobiliari in Calabria", edizioni Frama Sud, Catanzaro 1984 dalla pagina 158 alla pagina 163, li riporta nel dettaglio.

 


 

Nella foto, il VOLUME quinto (V) lettere S-Z dell’opera: STORIA DEI FEUDI E DEI TITOLI NOBILIARI DELLA CALABRIA, pubblicato in luglio 2013. Si tratta dell'ultimo volume che completa quindi lo studio avviato dal Pellicano Castagna.

 


 

Nella foto, il VOLUME quinto (V) lettere S-Z dell’opera: STORIA DEI FEUDI E DEI TITOLI NOBILIARI DELLA CALABRIA, pubblicato in luglio 2013. Si tratta dell'ultimo volume che completa quindi lo studio avviato dal Pellicano Castagna.

 


Nella foto, il VOLUME quinto (V) lettere S-Z dell’opera: STORIA DEI FEUDI E DEI TITOLI NOBILIARI DELLA CALABRIA, pubblicato in luglio 2013. Si tratta dell'ultimo volume che completa quindi lo studio avviato dal Pellicano Castagna.

 


 

Nella foto, il VOLUME quinto (V) lettere S-Z dell’opera: STORIA DEI FEUDI E DEI TITOLI NOBILIARI DELLA CALABRIA, pubblicato in luglio 2013. Si tratta dell'ultimo volume che completa quindi lo studio avviato dal Pellicano Castagna.

 


 

Nella foto, il VOLUME quinto (V) lettere S-Z dell’opera: STORIA DEI FEUDI E DEI TITOLI NOBILIARI DELLA CALABRIA, pubblicato in luglio 2013. Nella foto, a pag. 156 l'Elenco dei Suffeudi (dove si leggono i Gallelli quali suffeudatari).

2014

Rispondo a B.B.

Verissimo! Io posseggo tutti i 5 volumi dell'opera <<STORIA DEI FEUDI E DEI TITOLI NOBILIARI IN CALABRIA>>, lettere A-Z.

 

VOLUME 1

LETTERE A- CAR

VOLUME 2

LETTERE CAS- IS

VOLUME 3

LETTERE L- O

VOLUME 4

LETTERE P- R

VOLUME 5 

LETTERE S-

 

10.04.2014

Rispondo a Giulio A.

Che figuraccia!!!

Come pensavano di vincere?

M.M.

11.04.2014

Rispondo a Giulio A.

Non c’è mai stata storia!

Gioco, partita, incontro.

Collegio araldico =0

Circolo Calabrese caccia= 6.

E’ la fine di un epoca!!!

M.M.

12.03.2014

Salve, grazie per questo nuovo forum sulle materie nobiliari. Vorrei sapere cos'è l'UNI?

Gtazie

13.03.2014

L'U.N.I. (Unione dellaNobiltà d'Italia), è la più antica associazione nobiliare Italiana, sorta a Torino nel 1951 e successivamente estintasi nel CNI. Ma.....vedute le tante difficoltà organizzative in cui versava il Corpo della Nobilta’Italiana (CNI), come infatti dimostra il fatto che nel novembre 2010 l’associazionedella Sardegna è uscita proprio dal Corpo della nobiltà italiana, seguita poi da altre delegazioni regionali “a seguito di profonde divergenze in tema di riconoscimento di diritti nobiliari”, come dimostra anche il deperimento del sito internet CNI nonché Wikipedia, al fine quindi di difendere i diritti delle famiglie nobili Italiane, con rinnovata efficacia, nonchè aiutare le medesime in difficoltà economica, un gruppo di gentiluomini Torinesi, ha concertato di ricostituire l’Unione della Nobiltà d’Italia. In data 27 marzo 2014 alle ore 16:48 è stata quindi formalmente ricostituita l’UNIONE DELLA NOBILTA’ D’ITALIA (U.N.I.) con regolare statuto notarile, firmato presso lo studio notarile Cristino, sito in Corso Re Umberto n.78 a Torino. L’UNI è quindi la ricostituzione della più antica associazione nobiliare, sorta con rogito il 21 dicembre 1951, che sino al 1980, anno della fusione con il C.N.I, silenziosamente e discretamente svolse un’azione caritativa in favore dei nobili che non avevano mezzi di fortuna. La ricostituita UNI in linea di massima è la formazione di un “ruolo nazionale” della nobiltà italiana fondato sull’autorità dell’intero corpo nobiliare, nel quale sono accolte “le famiglie i cui componenti sono in attuale possesso dei tradizionali caratteri e requisiti nobiliari morali e sociali”. Lo scopo espresso dai suoi fondatori è quello di tutelare, almeno nel privato, i discendenti di coloro che ebbero la concessione di un titolo nobiliare, e pertanto anche di uno stemma gentilizio, o di cittadinanza, titoli privi oggi di valore legale e non riconosciuti dagli organi della Repubblica Italiana dopo l’entrata in vigore della Costituzione italiana nel 1948. La ricostituita UNI sita nella sua sede storica di Torino, nell’ottocentesco palazzo di via Magenta n. 61 ha quindi sia lo storico fine di aiutare, supportare, la nobiltà italiana in difficoltà economica, nonché il nuovo scopo di tutelare la nobiltà italiana e di investigarne e accertarne le eventuali ulteriori spettanze con “attestazioni e certificazioni di giustizia” ad aggiornamento e integrazione dei riconoscimenti già ufficiali, organizzato, sull’esempio della passata Consulta Araldica del Regno d’Italia, nei suoi organi centrali e locali, vale a dire Presidenza, Giunta e Commissioni regionali. Con le “certificazioni di giustizia” l’associazione accerta e riconosce, sul solo piano morale, la validità dei diritti, delle qualifiche nobiliari e degli stemmi araldici delle singole persone. La funzione della ricostituita UNI non è quella di creare, o meglio concedere, dei nuovi titoli nobiliari che prima non esistevano, ma solo quella di accertare la validità delle documentazioni che gli vengono sottoposte, per provare l’esistenza di titoli, o di stemmi, che già esistevano prima del loro accertamento. I provvedimenti dell’associazione, nelle intenzioni dei soci, si prefiggono di tutelare i diritti storici dei nobili italiani. Nelle prossime settimane sarà reso noto l’organigramma ufficiale dell’U.N.I. visionabile sul sito internet attualmente in costruzione, ma del quale esiste già la pag. Facebook all’indirizzo Facebook.

E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Segretario

21.03.2014

Salve, come ci si iscrive all'UNI?

L.O.

22.03.2014

La ricostituita UNI che ha sede a Torino in via Magenta n. 61 oltre ad essere la prima e più antica associazione nobiliare italiana, è l'unica le cui riunioni avvengono nelle sale di palazzo Carignano, la sede dove vi è anche il parlamento subalpino.

1.04.2014

Buona sera, vorrei sapere come si regolavano i Savoia, in merito ai riconoscimenti nobiliari provenienti dall'ordine di Malta?

Grazie

Gianni M.

4.04.2014

Buona sera, su facebook e nella vita, tutti posso essere amici e supportare economicamente l'UNI, al fine di agevolare ad espletare i fini statutari dell'ente. Per essere membri interni all'UNI bisogna invece appartenere, o essere imparentati con famiglie Italiane, nobilitate con formale provvedimento della monarchia.

IL SEGRETARIO

5.04.2014

Buona sera, vorrei sapere come si può far parte dell'U.N.I. E' necessario appartenere alla nobiltà?

Grazie Luciani M.

5.04.2014

Buona sera, grazie per quest'opportunità!!

L.O

5.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, sapete come mai il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, non esce più? Infatti venerdì ho telefonato al Collegio araldico romano, per sapere come mai non mi era ancora giunta la cedola di sottoscrizione della prossima edizione, ma mi hanno detto che l'opera non sarà più edita!

Grazie A.L.

6.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO dal 1910 al 2010 anche a me hanno detto che non verrà più stampato dal Collegio Araldico Romano!!

Altro non so!

C.M.

Si è estinta!

B.P.

 


Nella foto l'edizione 2010-2014 (l'ultima amministrata dal Collegio araldico).

11.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, anch'io ho avuto la stessa info! Quell'opera non esce più!

11.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, hanno riferito la stessa cosa anche a me! Per conferme basta telefonare al numero del Collegio Araldico

06 6861395

G.S.

11.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, anche a me hanno dato la stessa risposta! Il Libro blu del Collegio Araldico, o Libro d'Oro, è terminato.

A.L.O.

11.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, a me hanno riferito che l'opera ha cambiato editore!! Non è più del Collegio araldico romano!

http://www.collegio-araldico.it/

S.O.

 

Nella foto l'edizione 2010-2014 (l'ultima amministrata dal Collegio araldico).

12.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, anche a me sono giunte voci di corridoio...............che hanno riferito, che l'opera è stata rilevata da un altro editore! Non è più di proprietà del Collegio araldico romano! (nella foto il Libro d'Oro edito dal Collegio araldico romano dal 1910 al 2010).

M.B.

 


Nella foto l'edizione 2010-2014 (l'ultima amministrata dal Collegio araldico).

13.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, effettivamente pare che l'opera sia stata rilevata da un altro editore (ai sensi di legge). Di certo non è di proprietà del Collegio araldico romano! (nella foto il Libro d'Oro edito dal Collegio araldico romano dal 1910 al 2010).

V.L.

14.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, non sapete chi è il nuovo editore del Libro d'Oro della nobiltà Italiana? (nella foto il Libro d'Oro edito dal Collegio araldico romano dal 1910 al 2010).

L.L.

14.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO. Io sapevo che l'opera è stata venduta, di conseguenza non è più del Collegio araldico. Difatti a nessuno dei miei amici sono arrivate le cedole di sottoscrizione per la prossima edizione. (nella foto la mia collezione del Libro d'Oro edito dal Collegio araldico romano dal 1910 al 2010).

Giulio M.


La mia collezione

14.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO. Purtroppo in questo periodo di crisi molti marchi sono stati ceduti ad altre ditte! Speriamo che almeno non sia stato comperato da un editore straniero.

A.B.

14.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO. Io ho tutta la collezione del Libro d'Oro del Collegio Araldico!!! Speriamo che il nuovo proprietario sia all'altezza delle vecchie edizioni!

S.L.

14.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO. I tempi cambiano, evidentemente quelli del Collegio araldico, non erano più in grado di amministrarlo! Ben venga un nuovo editore, che magari darà nuova energia all'opera!!

Giovanni M.

14.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO. Certo...........chi avrebbe mai detto che l'edizione 2010 sarebbe stata l'ultima amministrata dal Collegio araldico romano.

Sono tempi duri per tutti!

L.O.

 


Nella foto l'edizione 2010-2014 (l'ultima amministrata dal Collegio araldico).

15.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO. Confermo quanto detto in questo forum. L'edizione 2010 (ventiquattresima), è stata l'ultima amministrata dal Collegio araldico romano. La testata è infatti stata rilevata da un altro editore.

La crisi ha colpito anche il Collegio Araldico.

B.L

15.04.2014

Buona sera, a proposito di Libri d'Oro, il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDITO DAL COLLEGIO ARALDICO ROMANO. Anche a me risultano le stesse voci. L'edizione 2010 (ventiquattresima), è stata l'ultima amministrata dal Collegio araldico romano. La testata stata poi rilevata da un altro editore.

A.I.


Un edizione storica del Libro d'Oro del Collegio araldico.

21.04.2014

a seguito di segnalazione di uno dei soci, abbiamo accertato che tutta la storica e nutrita Biblioteca del Collegio Araldico Romano, sita a Roma in via dell'anima n. 16, è stata interamente venduta al barone Emanuele Emanuele. Co...mposta da rari e preziosi testi di araldica, genealogia, storia, e ordini cavallereschi, la biblioteca del Collegio Araldico, era il vanto e orgoglio di quell'ente culturale. Alcune opere di rara bellezza, e preziosa stampa, contenute in essa valgono svariate decine di migliaia e migliaia di euro, e di certo quando la biblioteca era di proprietà del Collegio Araldico, nessuno ebbe volontà di indicizzare i singoli volumi. Poichè oggi di proprietà di un privato, si è persa la possibilità di visionare preziosi ed interessanti testi della materia detta, ma al contempo la segreteria del Barone, ci ha confermato di aver indicizzato l'intera biblioteca. Dopo che un anonimo editore, ha rilevato la testata <<Libro d'Oro della Nobiltà Italiana>>, ecco che un altro pezzo del Collegio Araldico viene inesorabilmente ceduto a terzi, prova del fatto che il Collegio Araldico è purtroppo colpito da una crisi finanziaria senza precedenti. Al barone Emanuele Emanuele i nostri fervidi complimenti per questa preziosa acquisizione.

M.L.

 


 

28.04.2014

COMPLIMENTI E BUON LAVORO!

E.P.

28.04.2014

BENE!!

E.L.

28.04.2014

BENE!

S.L.

28.04.2014

AUGURI!!!

L.O.

Mi piace · Commenta

28.04.2014

Buon lavoro!

L.L.

28.04.2014

Ho letto che il Consiglio dei membri fondatori dell'UNI ha nominato il barone Gallelli quale Presidente.Il mio più affettuoso augurio di buon lavoro!

E.L.

26.04.2014

Ho letto che l'edizione 25esima, non avrà più la sezione dedicata alle famiglie notabili, come è stato per la serie 24esima. Plaudo a questa abolizione!!

M.L.

25.04.2014

Una continuazione delle precedenti edizioni!

Bene!

M.S.

25.04.2014

Ecco chi era l'editore che ha rilevato quel marchio!!

M.L.

25 04.2014

COMUNICATO

Siamo lieti di informare gli interessati che oggi 25 aprile 2014 è iniziata l'annunciata campagna aggiornamenti per la prossima edizione del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana-nuova serie (XXV edizione, 2015-2019) che come le precedenti consterà di due tomi volume I (A-L) e volume II (M-Z) della serie, per un totale di oltre 3000 pagine. Saranno presenti tutte le famiglie nobili, per ciascuna dell...e quali vi sarà un breve cenno storico, lo stato di famiglia aggiornato e lo stemma in bianco e nero, come sempre. Tutti gli aventi diritto possono comunicare ogni eventuale variazione e/o aggiunta nel proprio stato familiare rispetto all'edizione precedente. Chi volesse trasmettere qualsiasi comunicazione in merito (eventuali variazioni di indirizzo etc.), può cominciare a farlo anche direttamente a questa pagina, tramite messaggio privato. In febbraio 2014 la casa editrice ETTORE GALLELLI-editore, ha rilevato a tutti gli effetti, e ai sensi di legge nelle opportune sedi competenti, la nuova serie corrente del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, depositandolo infatti presso l'ufficio pubblico generale delle opere protette dalla legge sul diritto d’autore (art. 103 L.633/1941), acquisendo quindi tutti i diritti editoriali in esclusiva. Il Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, è il fedele aggiornamento della vecchia serie, giunto all'edizione XXV (2015-2019), come nelle edizioni passate, si presenterà anch'essa composta da due mini tomi color blu scuro, lettere (A-L) e (M-Z); per complessive 3000 pagine, applicando lo stesso criterio di censimento nobiliare delle precedenti edizioni. La nuova serie del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, edito dalla Ettore Gallelli-edizioni, che ha subito ricevuto il plauso della nobiltà Italiana, e dei tanti studiosi, sarà acquistabile a 250.00 euro NELLE MIGLIORI librerie Italiane specializzate del settore, o a 200.00 euro presso la segreteria del Circolo Calabrese per la caccia alla volpe a cavallo (ente amministratore della pubblicazione)                         e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Con questa nuova acquisizione editoriale, grazie alla Ettore Gallelli-edizioni, continua di fatto lo storico censimento della nobiltà Italiana, nel tradizionale formato mini tomi. L'opera riunisce le famiglie che erano elencate nel Libro d’Oro della Consulta Araldica del Regno d’Italia e quelle comprese negli Elenchi Ufficiali Nobiliari del 1921 e del 1933. Sono inoltre inserite, previa presentazione della documentazione relativa, le famiglie che abbiano ottenuto (dopo il 1946) un provvedimento di grazia di Re Umberto II, od un provvedimento del S.M.O.C. Di San Giorgio, Gran Maestro Infante di Spagna.

Dopo le opere:

L'opera si aggiunge alle altre già edite da tempo dallo stesso marchio, quali:

-LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA-CONSULTA ARALDICA DEL

REGNO D'ITALIA-SERIE AGGIORNATA

-ELENCO UFFICIALE DELLA NLOBILTA' ITALIANA-SERIE AGGIORNATA

-REGIO LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA

 Per info e-mail

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cell. 331-3899432

21.04.2014

ECCO PERCHE' AL COLLEGIO ARALDICO NON RISPONDE MAI NESSUNO ULTIMAMENTE!!!

L.L.

21.04.2014

SI!

PER FORTUNA LA BIBIBLIOTECA E' STATA VENDUTA AD UN SOLO PRIVATO, SENZA ESSR STATA SMEMBRATA.

M.L.

21.04.2014

PER FORTUNA LA BIB. NON E' ANDATA PERSA!

S.G.

21.04.2014

Vero!

Il Collegio araldico ........perde i pezzi per strada!!

M.l.

21.04.2014

Certo......è la fine del Collegio araldico.

L.O.

21.04.2014

Incredibile!!

M.O.

Dal 17 APRILE si è aperta la lista di sottoscrizione all’edizione 2014 dell’Elenco Ufficiale della Nobiltà Italiana – serie aggiornata, che grande successo ha riscosso con l’edizione 2013 e 2012. La pubblicazione che giungerà nelle libreri...e entro l’anno, è stata presentata in occasione dell’ottantesimo anniversario della costituzione del primo “Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano” (1922-2012). Questa pubblicazione amministrata dal Club Calabrese per la caccia alla volpe a cavallo, è stata realizzata grazie al diretto studio sui 4 elenchi ufficiali nobiliari italiani (1922-1933-1934-1936) amministrati dal Regno d’Italia fino al 1946 (caduta della monarchia.) Il primo “Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano” venne infatti istituito nel 1921 a cura della Consulta Araldica del Regno d’Italia, e comprendeva le famiglie nobili e titolate già iscritte nei registri regionali, ma un asterisco contrassegnava quelle che avendo ottenuto il Regio Decreto o Decreto Ministeriale, erano quindi state inserite nel noto “Libro d’Oro della Nobiltà Italiana”. Nel 1933 venne approvato un secondo elenco ufficiale nobiliare italiano, a cui fu annesso anche un elenco dei predicati nobiliari. Gli iscritti negli elenchi ufficiali nobiliari italiani (1921-1933 e suplemento del 1934-1936) se entro tre anni non presentavano però la documentazione per l’iscrizione nel noto Libro d’Oro della Nobiltà Italiana, venivano cancellati dagli stessi: non a caso ad esempio nell’Elenco del 1933 sparirono molte famiglie Italiane fiorenti, elencate in quello pubblicato nel 1921. L’Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano”, rimane prova dell’avvenuto riconoscimento nobiliare nel passato ordinamento, che costituisce quindi prova inconfutabile del diritto all’uso di un titolo e predicato nel cognome. Lo scopo di questa serie aggiornata dell’ “Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano”, è proprio quello di aggiornare il diritto all’uso dei predicati e dei titoli nobiliari delle famiglie Italiane fiorenti ed estinte, conformi all’ultimo ordinamento monarchico Italiano. Tale ordinamento era costituito dalle delibere della Consulta Araldica, in pratica norme ratificate coi Regi Decreti del sovrano, in ottemperanza alla Regia prerogativa, elemento tutt’oggi propedeutico negli attuali stati monarchici Europei per la concessione di titoli nobiliari.

IL SEGRETARIO

29.05.2014

Rispondo a L.P.

Buona sera, vorrei avere maggiori info sulla nuova serie del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' IITALIANA.

Grazie.

L.P.

29.05.2014

Rispondo a L.P.

Buona sera, la nuova serie corrente del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, è stata rilevata da Ettore Gallelli-editore, come prova il deposito presso il pubblico registro per la tutela del diritto d'autore.

Grazie

Giuluio P.

 

Nella foto, il riconoscimento dello stato (attraverso l'uff. Per la tutela del dirittod'autore), sul nome e sulla foggia della testata <<Libro d'Oro della nobiltà Italiana-nuova serie>>, rilevata ai sensi di legge da Ettore Gallelli-editore.

29.05.2014

Rispondo a L.P.

Io ho prenotato la nuova serie corrente del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, in stampa per gennaio 2015.

F.L.

29.05.2014

Rispondo a L.P.

La pagina della nuova serie del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, è visionabile all'indirizzo https://www.facebook.com/pages/LIBRO-DORO-DELLA-Nobilta-ITALIANA-nuovaserie/1418690511726578?fref=ts

8.06.2014

Vero!

Anche a me risulta la stessa cosa!

Ho indagato, dopo che su un sito era comparsa una notizia, secondo la quale, il collegio araldico starebbe preparando l'edizione 25esima. Ma la predetta mi è stata smentita dallo stesso Collegio araldico. Il Libro d'oro non sarà più curato dal Collegio araldico Romano.

E.D.

7.06.2014

Già!

Io c'ero quando il vecchio editore ha dichiarato che il Libro d'oro non sarebbe più uscito. Faccio parte della Presidenza del Consiglio del Collegio araldico. Posso assicurare che il Collegio Araldico non lo fa più il Libro d'oro, perchè ormai è stato rilevato da un altro editore.

L.P

6.06.2014

E' vero!

Io ho telefonato stamane al Collegio Araldico - Via Santa Maria dell'Anima 16 -00186 Roma 06-6861395. Mi hanno confermato che l'opera non è più curata da loro. Infatti l'edizione 25esima, sarà curata dal Circolo Calabrese caccia alla volpe a cavallo (Ettore Gallelli-editore).

L.P.

4.06.2014

Stessa cosa hanno detto a me, quando ho telefonato al Collegio Araldico - Via Santa Maria dell'Anima 16 - 00186 Roma - Italia allo 06- 6861395.

Basta telefonare e chiedere!

F.B.

3.06.2014

Rispondo a Giulio.L.

Io ho già nersato la somma per l'edizione del 2015-2019 già ampiamente pubblicizzata in più siti. E' vero, il Collegio araldico non la realizzarà più, così mi hanno detto a telefono.

L.P.

2.06.2014

Rispondo a M.L.

Anche a me il Collegio araldico, ha confermato che l'opera verrà realizata da un altro editore (che non sono loro).

Giulio L.

1.06.2014

Rispondo a L.P.

Lo ho prenotato il Libro d'oro -nuova serie edizione 25esima.

M.L.

13.06.2015

COMINICATO

IERI L’APERTURA IN PARLAMENTO SULLA LEGGE ORGANICA DI ABDICAZIONE DI JUAN CARLOS I.

"Siamo una monarchia. Perché questa è stata la volontà inequivocabile degli spagnoli che lo hanno espresso nella costituzione del 1978". Maria...no Rajoy ha aperto ieri il dibattito in parlamento sulla Legge organica di abdicazione di Juan Carlos I ponendo l’accento che "non è all'ordine del giorno discutere della forma dello stato", ma solo "ratificare e dare efficacia giuridica alla volontà del Re". Il premier, intenzionato a evitare che il dibattito parlamentare si converta in una discussione sull'opportunità di convocare un referendum per far decidere agli spagnoli se desiderano far parte di uno stato monarchico o repubblicano, ha posto l’accento e la necessità di una legge organica per confermare la decisione del re di lasciare, perché così "lo esige la Costituzione". "Oggi voltiamo una pagina della storia ma continuiamo a vivere nel libro della convivenza", ha detto, sottolineando come questo processo si svolga in un quadro di tranquillità e normalità che dimostra che la Spagna "non è una democrazia in costruzione, ma una democrazia moderna e consolidata". Rajoy ha poi illustrato la figura di Juan Carlos sottolineando che "si è proposto di essere il Re di tutti e l’ha fatto", è stato "l'abile pilota di una Transizione piena di rischi, deciso difensore della democrazia davanti alla più grave minaccia che la stessa ha affrontato, e impeccabile esecutore del ruolo di arbitro e moderatore che la Costituzione gli assegna". APERTIS VERBIS.

IL SEGRETARIO

 


 

14.06.2014

Buona sera, un adomanda.

Qual'è attualmente su mercato, il più piccolo repertorio nobiliare Italiano?

Grazie

Mario L.O.

 


Nella foto, l'edizione 2013.

14.06.2014

Rispondo a Mario L.O.

Attualmente su mercato, il più piccolo repertorio nobiliare Italiano, è il REGIO LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA.

Mario C.M.

14.06.2014

GRAZIE.

MA....DALLA FOTO, NON SI CAPISCE CHE DIMENSIONI HA??

Mario L.O.

 


 

14.06.2014

Rispondo a Mario L.O.

Io l'ho comperato l'anno scorso.

Davvero bello ed esaustivo.

Ecco la foto della mia copia!

S. Spinelli.

 


L'edizione del 2013

 

14.06.2014

Rispondo a Mario L.O.

Dal 2015 le dimensioni del REGIO LIBRO D'ORO (in piccolezza), saranno superate dalla nuova serie del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA -edizione 2015 che infatti sarà più piccolo di 3 cm.

C.Marti.

14.06.2014

Rispondo a L.O.

Vero!!

La pagina Facebook di ettore gallelli-editore è https://www.facebook.com/pages/Ettore-Gallelli-editore/175664152515712?fref=ts

14.06.2014

Rispondo a Flavio L.

Oggi in Italia, gli unici due editori, di opere nobiliari, periodiche, sono il dott. Borella (editore dell'Annuario della nobiltà Italiana), e la Ettore Gallelli-edizioni (ed. di: Libro d'Oro della Nobiltà Italiana consulta araldica del regno d'italia-serie aggiornata, Elenco Ufficiale della Nobiltà Italiana-serie aggiornata, Regio Libro d'oro della noibltà Italiana, Decano Nobiliare Calabrese, e da......gennaio 2015 il piccolo Libro d'Oro della nobiltà Italiana-nuova serie. Quest'ultime inoltre amministrate dal Club Calabrese per la caccia alla volpe a cavallo http://www.caccialavolpe.it/

L.O.

14.06.2014

Rispondo a C.Marti.

Ma chi edita queste pubblicazioni?

Flavio L.

14.06.2014

Rispondo a Mario L.O.

Dal 2015 le dimensioni del REGIO LIBRO D'ORO (in piccolezza), saranno superate dalla nuova serie del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA -edizione 2015 che infatti sarà più piccolo di m3 cm.

C.Marti.

19.06.2014

In merito alla 25esima edizione del Libro d'oro della Nobiltà Italiana, il Collegio araldico comunica quanto segue:

Citazione:

<<Buongiorno, per il momento è tutto fermo e non sappiamo ancora quando si farà un nuovo Libro. Se ...si deciderà di preparare una nuova edizione sarà nostra premura farLe avere la circolare. Cordialmente Elena Liuzzo per Roberto Colonnello Bertini Frassoni>>. A dimostrazione che la 25edizione è curata da EttoreGallelli-editore, che ha infattirilevato la nuova serie corrente dell'opera, attraverso formale deposito presso le sedicompetenti.

R.T.

 


 

20.06.2014

VIVA FELIPE VI RE DI SPAGNA

http://www.youtube.com/watch?v=zH9A-HPcn0g

21.06.2014

Rispondo a I.U.

Ma siamo sicuri che.....SAVINI NICCI siano nobili?? L.O.

21.06.2014

Rispondo a F.M.

SAVINI -NICCI....no!

Nemmeno io mai sentiti!

I.U.

Mi piace · Commenta

21.06.2014

Rispondo a F.M.

SAVINI NICCI ?

Mai sentiti!

P.L.

21.06.2014

Rispondo a Luigi L.

Savini Nicci?

Ma è scritto Savininicci, o Savini Nicci??

F.M.

21.06.2014

Rispondo a L.P.

Nemmeno io gli ho...come dire...mai sentiti nominare!

Luigi L.

21.06.2014

Rispondo a M.O.

E....chi sono??

L.P.

21.06.2014

Buona sera a tutti, su vari forum, non riesco ad avere notizie sulla famiglia SAVINI NICCI.

Potete aiutarmi? Grazie M.O.

21.06.2014

Rspondo a L.O.

Io ho consultato a casa l'ELENCO UFFICIALE DELLA NOBILTA' ITALIANASERIE AGGIORNATA edizione 2013 e tra le famiglie che si cognominano SAVINI,me ne trovo circa 5 col solo titolo di nobile. Tuttavia nessun SAVINI-NICCI. Quali di questi sono...i SAVINI NICCI?

Cordialmente

L.L.

 


L'edizione del 2013

 

21.06.2014

Rispondo a L.L.

Anch'io a casa ho l'ELENCO UFFICIALE DELLA NOBILTA' ITALIANA-SERIE AGGIORNATA edizione 2013 e tra le famiglie che si cognominano SAVINI, credo che i SAVINI-NICCI siano quelli nobili di Camerino. Quali di questi sono...i SAVINI NICCI?

Cordialmente L.L.

23.06.2014

Giunge oggi nelle (migliori librerie specializzate del settore), il CALENDARIO D'ORO -EDIZIONE XV-2014.

https://www.facebook.com/pages/Calendario-Oro/1446403932283491?fref=ts

In occasione del cento decimo anniversario (1903-20...13), dalla stampa dell’ultima edizione del Calendario d’Oro (1903), torna in commercio con l'edizione 2014 lo storico e pregevole, repertorio, Annuale, Nobiliare, Genealogico, Diplomatico, Araldico, fondato dal cavalier Domenico Contigliozzi, a cura dell'Istituto Araldico Italiano nel 1897 e pubblicato annualmente fino al 1903. Il Calendario ...d'Oro, inizialmente pubblicazione dell'Istituto Araldico Italiano, è stato rilevato ai sensi di legge da Ettore Gallelli -editore, ed è oggi amministrato dal Circolo Calabrese per la caccia alla volpe a cavallo. Con questa nuova acquisizione editoriale, Ettore Gallelli-editore, si conferma il marchio che aggiorna il maggior numero di repertori, nobiliari, italiani, attualmente in commercio. Il Calendario d'Oro è un'elegante pubblicazione, ove come nelle vecchie edizioni, trovano posto quelli il cui nome risale a lontane generazioni e, i cui titoli concessi per benemerenze d'ingegno, di valore, di cultura pongono il fiore tra la popolazione Italiana. Le edizioni preziose per eleganza, si addicono ad un argomento così elevato, come l'araldica, la storia, e la genealogia Italiana. L'edizione 2014 come la vecchia serie, si apre con una sezione dedicata agli apparati dello stato Italiano (in questo caso alla Presidenza della repubblica, a quella del Consiglio dei ministri, alle ambasciate straniere in Italia, e a quelle Italiane all'estero). Come nelle passate edizioni, anche nell'edizione 2014 seguono le norme e i regolamenti tassativi in materia araldica; alcune dissertazioni, i cenni storici su illustri famiglie italiane, e il blasonario, occupano le stesse sezioni del libro. Come nelle vecchie edizioni, trovano seguito gli onomastici, i genetliaci delle persone più in vista della società nobiliare Italiana. L'edizione 2014 del Calendario d'Oro, come la vecchia serie è diviso nelle stesse identiche sezioni, vi compaiono infatti: la "Cronaca d'Oro" dove sono riportati, in ordine alfabetico, cenni storici e biografici sulle famiglie nobili, lo stemma gentilizio ed in alcuni casi anche fotografie, nonché morti, matrimoni e nascite degli appartenenti alle casate Italiane. Sono presenti uno stemmario figurato, illustrazioni araldiche e dissertazioni genealogiche e araldiche. Lo stato della Real Casa d'Italia, della Santa Sede Apostolica e del Corpo Diplomatico Italiano. Una parte è dedicata poi ai Palazzi Baronali e alle Ville della Nobiltà Italiana. Vi è poi, una parte dedicata a notizie utili quali i circoli italiani, lo sport, un albo raccomandato di scelti professionisti ed una raccolta di prontuari raccomandati indispensabili a tutti, con numeri utili. Anche per quanto riguarda le dimensioni tipografiche dell'edizione 2014, l’opera si uniforma ai cm. 17 di tutte le vecchie edizioni, pubblicate fino all’ultima edizione del 1903. Riguardo al numero di pagine e all’impaginazione, la differenza tra le varie edizioni è stata variabile, l'edizione 2014 caso per esigenze tipografiche, è stata portata a 1824 pagine, (la più grande di sempre).

LA SEGRETERIA

Biagio Zirilli

L'edizione 2014

 

L'edizione 2014

 


L'edizione 2014

 


L'edizione 2014


L'edizione 2014

L'edizione 2014

L'edizione 2014

L'edizione 2014

L'edizione 2014

Nella foto l'edizione storica, e dietro l'edizione del 2014.

L'edizione storica.

L'edizione 2014

Qui sotto il confronto tra l'edizione storica, e quella del 2014.


22.06.2014

BellO!!!

io l'ho prenotato oggi.

E.L.

22.06.2014

Grandioso, quanto costa?

L.T.

22.06.2014

Davvero eccellente, è come la vecchia edizione!

Bellissimo!

O.L.

L.P.

22.06.2014

Bellissimo!

Io ho le serie storiche!!

L.P.

8.07.2014

COMUNICATO

Vedute le grandi insistenze di alcuni membri dell'ex-collegio araldico romano, in anticipo sui programmi, giunge oggi nelle migliori librerie specializzate del settore il Libro d'Oro della Nobiltà Italiana-nuova serie 2015-2019. Come dichiarato la nuova serie del “Libro d’Oro” con l’intento prosegue l’esperienza editoriale del Collegio Araldico (ente cessato). Come le passate edizioni, anche l’edizione 25esima (2015-2019) è composta quindi da due mini tomi color blu scuro, lettere (A-L) e (M-Z); per complessive 3000 pagine circa, con praticamente la stessa veste grafica interna ed esterna delle precedenti edizioni. In merito al censimento nobiliare, la nuova serie corrente del Libro d’Oro della Nobiltà Italiana, si differenzia dalle passate edizioni, poiché viene applicato un criterio nobiliare maggiormente restrittivo, basato infatti fedelmente sulle norme, principi, leggi, e regolamenti del Regno d’Italia, motivo per il quale è stata infatti soppressa la parte seconda (FAMIGLIE NOTABILI). Come nella vecchia serie, ogni famiglia compare invece all’interno dell’opera, con lo stemma a lato, un breve cenno storico, e piccole indicazioni genealogiche. La pubblicazione riunisce quindi in un unico censimento i casati compresi nel Libro d’Oro della Consulta Araldica, quelli compresi nei successivi Elenchi Ufficiali Nobiliari del 1921 e 1933, integrati da tutti i provvedimenti nobiliari del supplemento del 1934 e 1936, nonché quelli che godettero di provvedimenti di Grazia di S.A.R. Umberto II di Savoia emessi dopo il 1946, fino al 18 marzo 1983, data della sua morte. Sempre nel pieno rispetto del principio relativo alla Regia prerogativa in materia nobiliare, l’opera censisce anche le famiglie Italiane la cui nobiltà è stata riconosciuta ufficialmente con formale provvedimento del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, attraverso riconoscimento della Real deputazione di Madrid, avallata dalla corona Spagnola, (essendo infatti il Gran Maestro dell’Ordine, l’Infante di Spagna, e membro della famiglia reale). A livello tipografico, la nuova serie si presenta qualitativamente migliorata, infatti è stata stampata con caratteri di scrittura in corpo 12 che ha però inevitabilmente comportato l’aumento del numero di pagine, (contro il piccolo corpo 8 della vecchia serie), che di fatto rendevano la pubblicazione scarsamente leggibile. Un miglioramento lo si è avuto anche sulla qualità della stessa carta, che nella nuova serie è di grammi 80 (contro i 50 grammi della vecchia serie, simile alla carta velina). Anche la copertina della nuova serie è di qualità superiore, con un peso infatti di 180 grammi (contro i 120 grammi della vecchia serie). L’opera è stata stampata in 4.550 copie (contro le 2.000 della vecchia serie). La pubblicazione è acquistabile a 250,00 euro nelle librerie specializzate del settore, o a 200,00 euro presso la segreteria dell’editore”.

 


Nella foto l'edizione 25esima 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana.

 

Nella foto l'edizione 2015-2019 (nuova serie) e l'edizione 2010-2014 (vecchia s.)

 

L'edizione 25esima del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana 2015-2019.

 

 

8.07.2014

Buona sera, anch'io io ho comperato oggi l'edizione 25esima 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, devo dire che è molto meglio della vecchia serie curata dal Collegio araldico. Per cominciare è leggermente più grande della vecchia serie, di 2 cm in altezza e 1 cm in larghezza, quindi le scritte e gli stemmi sono più visibili. Poi è è meglio cucita e rifinita con brossura e filorefe. La copertina è più spessa e resistente, anche le pagine so fatte da carta più spessa delle vecchie edizioni. Poi è leggermente più grande della vecchia serie edizione di 2 cm in altezza e 1 cm in larghezza, quindi le scritte e gli stemmi sono più visibili.In generale l'opera è migliorata tipograficamente parlando.

P.L.


Nella foto il confronto tra la nuova serie, e l'edizione 25esima 2015-2019 e l'edizione 24esima del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana.

8.07.2014

Vero!

Anch'io l'ho comperata!!

Molto più bella dell'edizione precedente del 2010-14.

Grazie

B.L.

 


L'edizione 25esima del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana 2015-2019.

8.07.2014

Io pure ho comperato la 25esima edizione 2015-2019 del Libro d'Oro stamane!

Davvero uguale alle vecchie edizioni curate dal collegio araldico.

Ve ne mostro gli interni!

G.P.


L'edizione 25esima del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana 2015-2019.

8.07.2014

Deve essere stata richiesta a furor di popolo, per anticipare i tempi di ben 6 mesi!!

B.L.

8.07.2014

Concordo con G.P.

La 25esima edizione 2015-2019 del Libro d'Oro è davvero ben fatta. Sono d'accordo col nuovo editore, circa la soppressione della seconda sezione <<FAMIGLIE NOTABILI>>, parte che caratterizzava le vecchie edizioni... del libro d'Oro, poichè appunto credo anch'io fosse in contrasto sia col titolo dell'opera, che con le leggi dei titoli e nobilitazioni del Regno d'Italia. E poi un davvero uguale alle vecchie edizioni, per colori, dimensioni, ecc. ecc..

I.U.

8.07.2014

A me la 25 edizione 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, è arrivata ieri pomeriggio. Dopo un pò di scetticismo, devo invece ammettere che il nuovo editore (Ettore Gallelli), ha curato l'opera davvero in modo fedele alla vecchia serie curata dal 1910 al 2010 dall'ex- Collegio araldico romano.

L.L.

8.07.2014

Io invece l'ho comperata oggi.

Molto bella!

La 25 edizione 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, è molto ben fatta!

P.L.

8.07.2014

Salve a tutti.

Bel forum.

Io posseggo tutta la collezione Libro d'Oro.

Pure io ho la 25 edizione 2015-2019 Libro d'Oro della Nobiltà Italiana.

A mio avviso è la più bella di sempre.

F.L.


Nella foto il confronto tra la nuova serie, e l'edizione 25esima 2015-2019 el'edizione 24esima del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana.

8.07.2014

Concordo con G.P.

La 25esima edizione 2015-2019 del Libro d'Oro è davvero ben fatta. Sono d'accordo col nuovo editore, circa la soppressione della seconda sezione <<FAMIGLIE NOTABILI>>, parte che caratterizzava le vecchie edizioni del libro d'Oro, poichè appunto credo anch'io fosse in contrasto sia col titolo dell'opera, che con le leggi dei titoli e nobilitazioni del Regno d'Italia. E poi un davvero uguale alle vecchie edizioni, per colori, dimensioni, ecc. ecc..

I.U.

8.07.2014

Mi unisco ai commenti positivi sulla nuova edizione 2015-2019.

Io l'ho ricevuta stamane a casa.

Molto bella e maneggevole.

Colori, forme, fregi, disegni sono uguali alla vecchia edizione.

Il censimento della nobiltà si adegua poi... maggiormente alle leggi del Regno

d'Italia. Non troviamo infatti famiglie nobilitate dal C.N.I. e dal S.M.O.M.

 

 


Nella foto il confronto tra la nuova serie, e l'edizione 25esima 2015-2019 e l'edizione 24esima del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana.

9.07.2014

Sera.

Io posseggo vari repertori, questo pomeriggio ho comperato l'edizione 2015-2019 del Libro d'Oro. E' molto bella, con una bella carta, e una copertina più robusta.Complimenti all'editore.Nella foto la mia piccola collezione:

Davanti una copia vecchia del libro d'oro (ex-collegio araldico), seguita dalla prima ed. dell'Annuario della nob. Italiana, e poi dal nuovissimo Libro d'oro ed. 2015-19.

L.O.

10.07.2014

E....beh....praticamente questo signore con questo ulteriore deposito, ha quasi monopolizzato la materia dei repertori, nobiliari, periodici, rimane in commercio solo l'ANNUARIO DELLA NOBILTA' ITALIANA (dato che sia l'ELENCO DEI TITOLATI che il L'ALBO D'ORO) sono fuori commercio, come compare scritto nell'ultima pag.

L.P.


Nella foto il marchio Ettore Gallelli-editore, che compare a colori all'ultima pagina di ogni opera.

12.07.2014

La notizia dell'uscita dell'edizione 25esima del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana 2015-2019 è anche stata riportata dall'autorevole Gazzettino Araldico

http://www.notiziarioaraldico.info/201407126532/libro-doro-nuova-serie/

13.07.2014

Buona sera, io ...invece vorrei sapere perchè sulla pag.http://www.asni.it/librodoro.html dell'ASNI (una neo, mai sentita prima, associazione storico-nobiliare Italiana), vienescritto che il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA del Collegio araldico è IN PREPARAZIONE (???) STRANO, perchè io sono membro del Consiglio di Presidenza del Collegio araldico, e a me Roberto Colonnello, ha chiaramente detto che non editerà più quell'opera. Non a caso essa è infatti passata a Ettore Gallelli-editore, come dimostra il deposito al pubb. Registro per la tutela del diritto d'autore. Dunque cosa.......raccontano i signori dell'ASNI???

L.O.

 

13.07.2014

Buona sera, ASNI? Mai sentiti nominare!! Inoltre alla pag. copiano anche alcuni elementi della copertina del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, depositata da Gallelli.

L.L.

 

A sinistra il marchio abusivo dell'ASNI, presente sulla pag. http://www.asni.it/home.html che è infatti la contraffazione degli elementi distintivi della copertina del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, a destra (depositato da Ettore Gallelli-editore), ai sensi di legge. A dimostrazione che codesti signori dell'ASNI cerano di plagiare, per fini personali, la veste grafica di un opera registrata.

13.07.2014

ASNI (??)

Vhi c'è dentro?

Chi sono?

I.U.

16.07.2014

Risp. A I.U.

Per vedere il direttivo di questa ASNI basta vedere la pag. Http://www.asni.it/ildirettivo.html

In pratica vi si leggono:

Consiglio di Presidenza :

Bruno dei conti di Tornaforte dei marchesi di Clavesana, dei conti di San Giorgio Scarampi, nob. Filippo

Castriota Scanderbegh, nob. Loris

d'Aubert conte Filippo Maria

Grillo di Ricaldone, conte Stefano

Lupis Macedonio Palermo dei principi di S.ta Margherita, dei duchi di S.Donato, marchese don Marco

Nuñez del Castillo conte Andrea, marchese di San Felipe e Santiago

Spinelli Barrile don Ugone, duca di Marianella, marchese di Fuscaldo,patrizio napoletano

Vergara Caffarelli dei duchi di Craco dei marchesi di Comignano e di Savochetta, don Filippo

giovanni.barracco @ asni.it

filippo.bruno @ asni.it

loris.castriota @ asni.it

filippo.daubert @ asni.it

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

marco.lupis @ asni.it

andrea.nunez @ asni.it

ugone.spinelli @ asni.it

filippo.vergara @ asni.it

Delegati regionali

Alliata, principe don Gabriele

Bruno di Belmonte, barone Francesco

Bruno di Tornaforte, marchese Diego

Castriota Scanderbegh, nob. Loris

Cattania, nob. Alberto

Custoza de' Cattani, dei conti nob. Gian Camillo

Del Bono, conte Pietro

d'Aubert conte Filippo Maria

Galletti di Santa Rosalia, barone Gianfrancesco

Grillo di Ricaldone, conte Stefano

Longo de Bellis, barone Carlo

Lupis Macedonio Palermo di Santa Margherita, m.se

don Marco

Miceli dei baroni di Serradileo, nob. Amedeo

Nuñez del Castillo conte Andrea

Sicilia

S icilia (Ragusa )

Trentino - Alto Adige

Puglia (Foggia)

Emilia Romagna (Reggio

Emilia)

Friuli Venezia Giulia

Lombardia

Toscana

Sicilia (Messina)

Liguria (Genova)

Puglia (Bari)

Calabria

Calabria (Cosenza)

Liguria

16.07.2014

Rispondo a L.O.

Cioè....praticamente questi signori, fanno parte dell'ASNI, un associazione (non riconosciuta), sorta a maggio dal nulla, nella quale a pag. http://www.asni.it/librodoro.html viene dichiarato che il Libro d'Oro della Nobiltà Italiana 25esima edizione 2015-2019 (rilevato ai sensi di legge da Ettore Gallelli-editore), quindi depositato presso il pubblico registro per la tutela del diritto d'autore, ai sensi di legge, è invece in preparazione dall'estinto collegio araldico romano. Offrendosi inoltre di raccogliere le bozze per l'aggiornamento dell'opera. Fate un po'.....voi!

L.L.

17.07.2014

E' molto grave che quelli del'ASNI difondano false notizie, di cui la pag.http://www.asni.it/libro-doro.html In quel modo si da ad intendere al lettore che, l'A.S.N.I. si occupa di aggiornare il Libro d'Oro (dell'stinto collegio araldico)!! Peccato che quell'opera è stata già depositata al diritto d'autore da un altro editore estraneo all'ASNI che ne ha avviato una fedele nuova serie corente, come riporta anche il sito http://www.notiziarioaraldico....info/201407126532/libro-doro-nuovaserie/ Credo che sia venuto il momento che ASNI qui pubblicamente decida cosa fare! O prende provvedimenti verso chi continua a mettere delegati e consiglieri in difficoltà imbarazzanti, oppure l'associazione con questo andazzo si rovinerà la reputazione, passando per un ente che cerca di ingenerare confusione commerciale contro l'editore del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana-nuova serie, attraverso metodi di plagio grafico e falsi proclami di future bozze di un inesistente Libro d'Oro della nobiltà italiana, dell'ormai estinto Collegio araldico.

http://www.asni.it/

G.L.

18.07.2014

Concordo, i gentlaman non farebbero mai un danno del genere ad un editore, nel libero esercizio dei suoi diritti. A che titolo questi dell'ASNI si....spacciano per amministratori di bozze del Libro d'Oro? Con quale diritto? E' molto grave che quelli del'ASNI difondano false notizie, di cui la pag.http://www.asni.it/libro-doro.html

19.07.2014

Concordo, evidentemente non sono veri signori, se si sono messi in questa situazione! E' un plagio! Cioè un furto editoriale! E' molto grave che quelli del'ASNI difondano false notizie, di cui la

pag.http://www.asni.it/libro-doro.html

L.L.

20.07.2014

Rispondo a G.L.

ATTENZIONE

Anche la pagina https://www.facebook.com/LibrodOrodellanobiltaitaliana?fref=ts è falsa. L'edizione 2015-19 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, è già in libreria (come riporta anche il sito http://www.notiziarioaraldico.info/201407126532/libro-doro-nuova-serie/

ATTENZIONE A CHI DATE I SOLDI!

Il marchio Ettore Gallelli-editore, non risponde dei soldi versati ad ASNI per la prenotazione del Libro d'Oro.

P.L.

21.07.2014

Buona sera, anch'io scrivo per avere delle delucidazioni in merito al Libro d'Oro della Nobiltà Italiana. Alla pagina relativa https://www.facebook.com/LibrodOrodellanobiltaitaliana?fref=ts ove riferendosi all'Associazione della nobiltà Italiana, si legge:

<<vi ricordiamo anche che solo quelli che convalidano la propria iscrizione acquisiscono il diritto di voto alla prossima Assemblea Generale dell'ASNI e per chi non compila e invia il modulo (fornendo tra l'altro il proprio necessario indirizzo postale) vi saranno anche grosse difficoltá nell'invio e nella ricezione delle bozze per l'aggiornamento della prossima edizione del Libro D'oro Della Nobiltà Italiana.>>

Io non....capisco, ma di quale prossima edizione del Libro d'Oro si parla in quella pagina? L'edizione 25ESIMA 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, è già uscita a cura di Ettore Gallelli-editore, io infatti l'ho comperata ieri in libreria.

Grazie

M.O.

22.07.2014

COMUNICATO-ATTENZIONE SI COMUNICA CHE LA PAGINA https://www.facebook.com/LibrodOrodellanobiltaitaliana?fref=ts non è quella ufficiale relativa al Libro d'Oro della Nobiltà Italiana. La testata è stata infatti ufficialmente rilevata da Ettore Gallelli-editore ai sensi di legge, nelle opportune sedi competenti il 7 marzo 2014, ed è distribuito nelle migliori librerie Italiane specializzate del settore dal 7 luglio 2014 con l'edizione 25esima 2015-2019. La pagina ufficiale dell'opera, è quindi la segunte:

https://www.facebook.com/pages/LIBRO-DORO-DELLA-Nobilta-ITALIANAnuova-serie/1418690511726578?fref=ts

NON INVIATE QUINDI SOLDI ALLA PAGINA

https://www.facebook.com/LibrodOrodellanobiltaitaliana?fref=ts

CREDENDO DI PRENOTARE O ACQUISIRE UN DIRITTO ALL'INVIO DI BOZZE PER L'INSERIMENTO NELLA PROSSIMA EDIZIONE DELL'OPERA, ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE DELL'ASNI (ASSOCIAZIONE STORICA DELLA NOBILTA' ITALIANA). ETTORE GALLELLI-editore, MARCHIO PROPRIETARIO DELLA PUBBLICAZIONE, NON RISPONDE QUINDI DEI SOLDI VERSATI ALL'ASNI PER L'INVIO O L'INSERIMENTO NEL LIBRO D'ORO, NON ESSENDOCI CON LA PREDETTA A.S.N.I ALCUN ACCORDO DI COLALBORAZIONE.

IL SEGRETARIO

23.07.2014

Immaginavo che fosse una truffa la pag. http://www.asni.it/libro-doro.html

Non possono esistere due editori una testata che lo stesso nome, e la stessa identica veste grafica! Per legge l'opera è di chi la deposita al diritto d'autore!! ASNI non ha mai fatto alcun deposito!!! Ne potrebbe farlo ora, dato che il preuso cronologico è di Ettore Galleli-editore.

L.O.

23.07.2014

Vero!

La pagina http://www.asni.it/libro-doro.html

è mendace!

Io ho comperato l'edizione 25esima!!

Non possono esistere due edizioni 25-2015-19.

Quell' dell'ASNI scrivono frottole!

L.P.

24.07.2014

Concordo

La pagina http://www.asni.it/libro-doro.html è una BUFALA!! Anche io ho comperato l'edizione 25esima del Libro d'Oro 2015-19.

E.O.

24.07.2014

Ma chi sono questi nobili signori dell'ASNI?? E.....perchè diffondono menzogne?

L.O.

25.07.2014

Concordo

La pagina http://www.asni.it/libro-doro.html è un raggiro! L'edizione 25esima del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana 2015-19 è in libreria!! io l'ho vista!

T.O.

25.07.2014

Confermo ! La pagina http://www.asni.it/libro-doro.html è una truffa, attenti a chi date le vostre bozze, e i vostri soldi! Questi poi....scappano coi soldi. Questi signori cercano di amministrare le bozze di un opera non loro, sulla quale non hanno alcun dirittto! L'edizione 25esima del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana 2015-19 è in libreria dall'8 luglio 2014, ed è edita dal marchio Ettore Gallelli-editore. Il Collegio araldico ha chiuso i battenti!

T.O.

25.07.2014

Buon giorno.

Quello che sta facendo ASNI è un illecito, è infatti il tipico esempio di CONCORENZA SLEALE e CONFUSIONE COMMERCIALE. La concorrenza sleale indica, in ambito economico-produttivo, l'utilizzo di tecniche, pratiche, comportamenti e mezzi illeciti per ottenere un vantaggio sui competitori o per arrecare loro un danno. In pratica ASNI non possiede la titolarita della testata Libro d'oro della nobiltà Italiana, quindi non ha diritto a pubblicare foto, commenti, ecc. riguardanti l'opera, senza autorizzazione del proprietario. Se il barone Gallelli (legittimo proprietario dell'opera, come risulta dal deposito presso il pubb. Uff. per la tutela del diritto d'autore, facesse causa sull'abuso del marchio e del nome, la vincerebbe facilmente, perchè è basata su prove documentali.

Avv. L.M.

25.07.2014

COMUNICATO-ATTENZIONE

Si comunica qui pubblicamente che il barone Ettore Gallelli, proprietario editore del marchio Libro d'Oro della Nobiltà Italiana-nuova serie, registrato nelle opportune sedi competenti ai sensi di legge, (unicamente per cortesia), ha telefonato personalmente a quei membri del Consiglio di Presidenza dell'ASNI che conosce personalmente, al fine di metterli al corrente dei rischi societari che corrono facendo parte del Consiglio di Presidenza dell'ASNI, quando non adempiendo alla diffida che sarà spedita dall'avv. Berenice Marincola Cattaneo, si troveranno citati in qualità di membri del Consiglio di Presidenza, in una causa in sede civile (ai sensi delle leggi e regolamenti che disciplinano le società non riconosciute come ASNI), per l'abuso del marchio Libro d'Oro. L'editore declina quindi fin da ora, ogni responsabilità o provvedimento del giudice, quando codesti membri ASNI verranno condannati a rispondere in solido col loro patrimonio personale al dovuto risarcimento per concorrenza sleale, e confusione commerciale del predetto libro da lui depositato nelle sedi competenti.

IL SEGRETARIO

25.07.2014

Vero!

L'art. 2600 del Codice civile italiano impone il risarcimento del danno per gli atti di concorrenza sleale compiuti con dolo o colpa. Tali atti sono identificati dall'art. 2598 cod. civ. Il danno da concorrenza sleale non è solo la sottrazione di clientela, ma anche gli atti di denigrazione che si traducono in nocumento all'immagine e dunque in una diminuzione di vendita dei prodotti. La giurisprudenza dell'ultimo decennio si è espressa esclusivamente a favore del risarcimento per equivalente, nelle sue componenti del danno emergente e del lucro cessante. Dell'illecito rispondo col loro patrimonio, l'un per l'altro, tutti i membri ASNI del Consiglio di Presidenza, essendo ASNI un associazione non riconosciuta.

Avv. M.N.

25.07.2014

Altro esempio di concorrenza sleale è presente nei settori liberalizzati nell'ultimo decennio (come le telecomunicazioni, l'energia e il gas): sono frequenti pratiche di sconti e abbuoni fuori listino ai clienti che hanno fatto richiesta per il passaggio ad un altro fornitore di servizi. Il Codice civile impone parità di trattamento ai clienti per le sole società pubbliche. Dopo la privatizzazione, l'ufficio marketing ha piena discrezionalità nel proporre al cliente offerte mirate e personalizzate, con una forma di marketing one-to-one che è considerato la frontiera delle tecniche attuali di promozione del prodotto. Un'offerta diversificata per ogni persona consente di raggiungere la piena soddisfazione del cliente che è obiettivo dichiarato della strategia di molte imprese. Dal lato dell'azienda, consente di massimizzare i profitti, fatturando per ogni cliente il massimo che questi è disposto a pagare per il servizio.

Avv. P.L.

25.07.2014

Anche sulla pagina http://www.asni.it/informativa-legale.html è dichiarato il falso, dato che si legge:

<<Al fine di combattere efficacemente il dilagare di falsi in campo storiconobiliare, l'ASNI potrà intraprendere azioni legali nei confronti dei responsabili, con possibilità di costituirsi parte civile nei relativi procedimenti, ove ve ne siano i presupposti, rispondendo economicamente, sia a titolo di spese-onorari, che a titolo di eventuale risarcimento o condanna, con i propri beni, non essendo prevista alcuna forma di responsabilità in solido da parte del legale rappresentante, degli amministratori, dei soci o dei facenti a qualunque titolo parte dell’Associazione Storica della Nobiltà Italiana - Iscritti al Libro d'oro della Nobiltà Italiana, come dall'Art. 2 dello Statuto>>.

Ma il discorso che evidentemente quei poveri sprovveduti del Consiglio di Presidenza dell'ASNI non hanno compreso, è che in una causa civile per concorrenza sleale, e plagio di una testata registrata e depositata dal Gallelli, come il Libro d'Oro, di cui ASNi abusa nome e elementi distintivi (essendo l'ASNI per il diritto societario italiano un associazione non riconosciuta), ai sensi di legge rispondo tutti in solido col loro patrimonio personale. Chi ha fatto quella pagina, vuole solo ingannare anche loro, tranquillizzandoli su quest'aspetto; (inoltre al registro dei rogiti, non risultano statuti ASNI), dunque ciò che è scritto non ha alcun valore.

(Credo che avranno brutte sorprese)!!

L.L.

25.07.2014

Rispondo a T.O.

Concordo.

E' evidente che l'ASNI (successiva di ben due mesi alla ricreazione dell'UNI è stata messa in piedi da chi ha interesse a creare un danno economico al nuovo editore del Libro d'Oro, attraverso una confusione commerciale. Infatti quelli dell'ASNI (www.asni.it) con la pagina http://www.asni.it/libro-doro.html cercano di ingannare i lettori, dando ad intendere che il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA (rilevato dal marchio Ettore Gallelli-editore), sarà ancora edito dal defunto Collegio araldico, scrivendo infatti che l'edizione 2015-19 è in preparazione, mentre invece in verità essa è già uscita in libreria l'8 07. 2014 inoltre l'ASNI cerca di....azzeccarsi nella gestione del Libro d'Oro, raggirando quindi il lettore, quando scrive che...in qualche modo aggiorna le bozze.

Vi è quindi...reato di millantato credito! Viene cioè detta una cosa non vera. L.L

 


L'edizione 25esima 2015-2019 del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA (rilevato dal marchio Ettore Gallelli-editore), in vendita daall'8.07.2014 presso le migliori librerie Italiane, specializzate del settore. A dimostrazione che ASNI dichiara il falso sulla pag. http://www.asni.it/libro-doro.html

25.07.2014

Rispondo a T.O.

Concordo.

E' evidente che l'ASNI (brutta copia dell'UNI, (dato che ….è infatti successiva di ben due mesi alla ricostituzione dell'UNI), è stata messa in piedi da chi ha il solo interesse a creare un danno economico al marchio Ettore Gallelli-editore, attraverso una confusione commerciale. Infatti quelli dell'ASNI (www.asni.it) con la pagina http://www.asni.it/libro-doro.html cercano di raggirare la buona fede dei lettori, dando ad intendere che il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA (rilevato dal marchio Ettore Gallelli-editore), è un opera diversa da quella che era edita dal Collegio araldico, (mentre invece in verità è la stessa identica opera, che ha cambiato proprietario).

L.P.

 


A sinistra la 25esima edizione 2015-19, a destra la 24edizione 2010-14 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana. Come si vede hanno la stessa, identica, veste grafica. L'opera ha solo cambiato editore, infatti come si vede l'edizione 25esima ha la stessa foggia dell'edizione 24esima, è il cronologico editoriale è continuativo (appunto edizione 25esima 2015-19, quando la precedente era 24esima 2010-14.

Inoltre non possono esistere su mercato due opere con lo stesso nome, e la stessa veste grafica, a dimostrazione che è la stessa opera.

25.07.2014

E...anche se per assurdo chiunque procedesse alle stampe dell'edizione 25esima 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana (ex-collegio araldico), sarebbe per il... giudice un illecito, cioè stampa clandestina e concorrenza sleale, poiché confusoria di un nome e marchio già depositati da Ettore Gallelli-editore. Infatti il Collegio araldico (che PARADOSSALMENTE non ha mai fatto codesti depositi legali ai sensi di legge, nelle opportune sedi, non può vantare alcun preuso, o diritto pregresso. Esso infatti si ha quando lo si può dimostrare, e lo si può dimostrare solo attraverso gli opportuni depositi della testata, del logo, della copertina, del nome, ecc. ecc.(cose che appunto il collegio araldico mai fece). Infatti proprio per cautelarsi da situazioni simili, Ettore Gallelli-editore, ai sensi di legge ha depositato la testata, il nome, la copertina, i loghi, nelle opportune sedi competenti, pagando tasse, bolli, ecc. ecc. Dunque qualsiasi tentativo di commercializzare un opera anche solo simile (confusoria), col Libro d'Oro dell'estinto Collegio araldico, (quindi rilevato da Ettore Gallelli-editore), troverebbe un art. 700 cioè un sequestro d'urgenza, disposto dal giudice.

Avv. A. P.

25.07.2014

LA 25esima EDIZIONE (2015-2019) DEL LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA'

ITALIANA http://www.notiziarioaraldico.info/201405076171/libro-doro-dellanobilta-italiana-nuova-serie-corrente/

-*Lumia (La)

-Luparini

-Lupati

-Lupati

-Lupi

-Lupi

-Lupidi

*Lupinacci

-Lupo (Di)

-Luppino

-Luppis

-Lurani Cernuschi

L.O.

 


Nella foto la pagina dedicata alle predette casate, pubblicate nell'edizione 25esima 2015-19 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana. In quest'edizione è stata soppressa la seconda sezione “famiglie notabili”, poiché il nuovo editore ha deciso di applicare fedelmente i criteri nobilitanti della Regia Consulta araldica del Regno d'Italia (R.D. 7.06.1943) sovrana prerogativa in merito alla concessione di titoli.

Ecco perchè nella 25esima edizione 2015-2019 sono state escluse famiglie “nobilitate” dal C.N.I. E dal S.M.O.M.

25.07.2014

Messaggio a L.O.

Hai notato che il noto......”lestofante”, è stato escluso dalla 25esima edizione 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana. Infatti poiché l'opera è passata di mano, il nuovo editore, non ravvisando i titoli inventati da quel cialtrone, lo ha semplicemente soppresso dall'opera. Come ti dicevo.....non era chi diceva di essere, ed era stato pubblicato nell'edizione precedente 2010-2014 solo perchè amico di Colonnello Bertini Frassoni.

L.L.

 

Nella foto l'edizione 24esima 2010-2014 e la 25esima 2015-2019

L'edizione 25esiam 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana.


L'edizione 25esiam 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana.


25.07.2014

Buona sera, la conferma della chiusura del Colelgio araldico, è anche pubblicata sull' autorevole sito www.iagiforum.info/viewtopic.php?f=6&t=18869&start=15

Viene pubblicata la seguente news:

I NOSTRI AVI • Leggi argomento - Sta per chiudere il Collegio A raldico

ATTENZIONE per vedere tutte di discussioni attinenti alla detta notizia, bisogna fare correttamente il login, e quindi registrarsi fornendo i veri dati anagrafici.

I NOSTRI AVI

Forum Italiano della Commissione Internazionale permanente per lo Studio degli Ordini Cavallereschi, dell’Istituto Araldico Genealogico Italiano e di Famiglie Storiche d'Italia - Sito ufficiale: www.iagi.info

Passa al contenuto

Ricerca avanzata

• Indice Forum Piazza Principale / Main Square

• Modifica la dimensione del carattere

• Stampa pagina

• FAQ

• Iscriviti

• Login

Sta per chiudere il Collegio Araldico Romano

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Rispondi al messaggio

4 messaggi • Pagina 1 di 1

Sta per chiudere il Collegio Araldico Romano

da Pasquale M. M. Onorati » martedì 24 giugno 2014, 13:31

Gentili forumisti,

dopo 161 sta per chiudere il Collegio Araldico Romano, fondato nel 1853. La notizia,non ancora ufficiale, mi è stata confermata dalla segretaria del conte Roberto Colonnello Bertini Frassoni. La chiusura è prevista nelle prossime settimane, comunque prima dell'estate. Pertanto, cesserà anche la pubblicazione della Rivista Araldica, fondata nel 1903 e del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana,fondato nel 1910 (entrambi fermi all'edizione del 2010). La biblioteca dell'Ente privato, secondo altra fonte, già è stata venduta al barone Emmanuele Francesco Maria Emanuele, presidente della Fondazione Roma. Il motivo della chiusura è, a dire sempre della segretaria di Bertini Frassoni, il disinteresse dei figli del conte a continuare l'opera paterna. Personalmente, la cosa non mi lascia indifferente, per il considerevole apporto dato alle scienze documentarie della storia dall'istituto romano nei decenni passati, soprattutto grazie alla Rivista Araldica. Mi lascia, inoltre, perplesso il fatto che prima ancora che la sua chiusura sia ufficiale altri soggetti stiano cercando, in modo ben poco nobile e cavalleresco, di prendere il posto che verrà lasciato libero da questa prestigiosa e antica associazione privata.

A presto.

PMMO

Ultima modifica di Pasquale M. M. Onorati il martedì 24 giugno 2014, 15:16,

modificato 2 volte in totale.

Fructum affert in patientia

Pasquale M. M. Onorati

Messaggi: 1641

Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34

Località: Caserta - Terra di Lavoro

Top

Re: Sta per chiudere il Collegio Araldico Romano

da MMT » martedì 24 giugno 2014, 14:58

notizia di cui già si vociferava da un po' e che trova una conferma. Un vero peccato questo fatto dovuto a circostanze diverse.

~ VSQVE AD SIDERA ~

~ HABET SVA SIDERA TELLVS ~

I bravi nipoti nobilitano gli avi tuttavia le gesta gloriose degli antenati possono

coprire di vergogna i nipoti degeneri

MMT

Messaggi: 4551

Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01

Località: Roma

Top

Re: Sta per chiudere il Collegio Araldico Romano

da GENS VALERIA » martedì 24 giugno 2014, 15:22

Poiché ho il massimo rispetto per la parola data e per la coerenza nel richiedere documenti probatori storico - sociali , personalmente non mi affliggo alla notizia. Mi auguro che colui il quale raccoglierà il testimone nella pubblicazione sia degno delle qualità che apprezzo, anzi , conoscendolo personalmente , sono molto ottimista.

GENS VALERIA

Moderatore Forum Genealogia

Messaggi: 3715

Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39

Località: Chiavari

• Sito web

Top

Re: Sta per chiudere il Collegio Araldico Romano

da Pasquale M. M. Onorati » martedì 24 giugno 2014, 15:35

GENS VALERIA ha scritto:Poiché ho il massimo rispetto per la parola data e per la coerenza nel richiedere documenti probatori storico - sociali , personalmente non mi affliggo alla notizia. Mi auguro che colui il quale raccoglierà il testimone nella pubblicazione sia degno delle qualità che apprezzo, anzi , conoscendolo personalmente , sono molto ottimista. Peccato che al Collegio Araldico, ancora in vita anche se per poco, non sappiano niente di questa nuova pubblicazione. Con questi presupposti c'è poco da essere ottimisti.

Fructum affert in patientia

Pasquale M. M. Onorati

Messaggi: 1641

Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34

Località: Caserta - Terra di Lavoro

Top

Visualizza ultimi messaggi: Tutti i messaggi1 giorno7 giorni2 settimane1 mese3

mesi6 mesi1 anno Ordina per AutoreOra di invioTitolo CrescenteDecrescente

Rispondi al messaggio

4 messaggi • Pagina 1 di 1

Torna a Piazza Principale / Main Square

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti

• Indice

• Staff • Cancella cookie • Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group

Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010

L.O.

28.07.2014

COMUNICATO-ATTENZIONE

La neo associazione denominata ASNI (Associazione Storica della Nobiltà Italiana), è stata fatta oggetto di diffida da parte dell'Avv. Berenice Marincola Cattaneo, legale del barone Ettore Gallelli (proprietario ed editore del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, (legittimamente depositato ai sensi di legge, nelle opportune sedi competenti), per plagio e concorrenza sleale. L'ASNI infatti ha diramato sulla pag. http://www.asni.it/libro-doro.html false informative riguardo l'opera, duplicando inoltre senza autorizzazione, copertina, loghi distintivi, ed altri elementi tutelati dal deposito presso il pubblico uff. per la tutela del diritto d'autore. A dimostrazione dell'abuso-plagio perpetrato dall'ASNI nei confronti del legittimo proprietario della testata. Vi terremo informati sull'eventuale causa civile, che verrà depositata contro l'ASNI, qualora non rimuoveranno la detta pagina.

IL SEGRETARIO

 



1.08.2014

Non ho parole!!

Ma come si fa a mentire cosi??

L.L.

 

1.08.2014

Scandaloso che ASNI plagi un marchio appartenente ad altro editore!!

P.L.

 

1.08.2014

Direi davvero....vergognoso!

Ma cosa credono di fare?

P.G.

 

1.08.2014

Che figuraccia!!

Passano per bugiardi, che si approfittano di un marchio registrato!!

R.I.

 

1.08.2014

Vero!

Davvero un comportamento affatto signorile!!

P.R.

 

1.08.2014

Concordo!

Praticamente codesti nobili signori dell'ASNI hanno messo in atto un raggiro!!

Non ho parole!!

T.M.

 

1.08.2014

E....beh si!

E' una truffa!

Questi gran signori dichiarano il falso!

L'edizione 25esima2015-19 è già in libreria, io l'ho a casa!

Non prendono in giro proprio nessuno!

L.O.

 

 

1.08.2014

Hhahahahahahahahahhaha....che divertente!!

Che CUNTA BAL!!

Ma...allora è vero!!!

Io sentivo parlare nei salotti, che c'era un gruppo di tizi, che aveva avviato un plagio del Libro d'Oro!!

Ma chi sono nel particolare codesti gran signori?

P.L.

 

2.08.2014

ASNI chiede praticamente soldi al posto dell'editore vero!!

E' un danno per il vero editore, dato che si fa confusione commerciale.

E' come se la finta COCA -COLA , si spacciasse per la vera COCA -COLA, sottraendole quindi clientela.

Un illecito!!



 

2.08.2014

 

Ma....cosa credono di fare...??

Non hanno compreso come gira il mondo!

P.L.



2.08.2014

Lo spiegheranno poi al giudice!

I danni sul plagio sono molto alti!

P.R.



10.08.2014

Rispondo a M.M.

Ecco perchè il Collegio Araldico Romano non lo edita più!!!

In pratica è cambiato l'editore!!

Meno male che un anima pia, ha deciso di continuare quello storico repertorio.

Sarebbe stato troppo triste vedere la fine definitiva del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA DEL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, una pubblicazione (FONDATA NEL 1910 PRESSO IL COLLEGIO ARALDICO), ed edita fino al 2010.

Giulio M.

 

 

12.08.2014

Rispondo a Giulio M.

Una svolta epocale!

  1. Linetti.

     

15.08.2014

Il Collegio Araldico Romano non lo poteva più dirigere, meglio che lo abbia ceduto!!

L.L.

 

16.08.2014

Un cambio di editore provvidenziale!!

L.O.

 

17.08.2014

Un passaggio di testimone!

Bravi!!

E.O.

 

18.08.2014

La classica staffetta editoriale!!

meno male!

M.P.

 

20.08.2014

Concordo!

Sarebbe stato brutto …..dopo 100 anni di editoria!!

L.P.

 

21.08.2014

E …...............così passa anche di mano il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA DEL COLLEGIO ARALDICO ROMANO, una pubblicazione (FONDATA NEL 1910 PRESSO IL COLLEGIO ARALDICO), ed edita fino al 2010.

Giulio M.

I miei auguri al nuovo editore.

E.B.

 

22.08.2014

Plaudo a questa nuova acquisizione dell Ettore Gallelli-edizioni!!!

A.N.N.

 

5.09.2014

Qualcuno dei sig. del forum, può dirmi dove posso trovarla?

Grazie C.C.

 

7.09.2014

Plaudo a questa nuova acquisizione dell Ettore Gallelli-edizioni!!!

L.O.

 

11.09.2014

Buona sera, io ho comperato in libreria a Napoli, proprio ieri, la nuova serie del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, EDIZIONE 2015-2018.

Molto bella!!

Il nuovo editore, ha in pratica rispettato a mio avviso, sostanzialmente gli stessi criteri della vecchia serie, amministrata fino al 2010 dal Collegio Araldico di Roma.

C.F.

 

 

L'edizione 25esima 2015-2019 in vendita nelle migliori librerie, specializzate del settore.

15.09.2014

Rispondo a Ale M.

Vero!

E' evidente che siccome è cambiato l'editore, la NUOVA SERIE del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, ovviamente presenta quindi piccole differenze, per distinguersi dalla serie vecchia. Un po'.......la differenza tra la FIAT 500 DEL 1968 E LA FIAT 500 DI OGGI.

Daltrone anche la veste grafica della vecchia serie del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA del Collegio Araldico Romano, era diversa sotto l'amministrazione BERTINI FRASSONI, rispetto alla successiva amministrazione COLONNELLO BERTINI FRASSONI. E' uno dei tanti marchi che ultimamente ha cambiato proprietario, c'è da dire che almeno è rimasto in Italia, non come i seguenti marchi finiti all'estero, tra cui:

1999
Algida (rilevata dalla Unilever)
2000
Emilio Pucci (rilevata dalla Arnault, Francia)
Fiat Ferroviaria (Alstom, Francia)
 
2001
Bottega Veneta (Francia)
Fendi (Francia)
 
2003
Peroni (Sudafrica)
Sps Italiana Pack Systems (Usa)
2005
Acciaierie Lucchini (Russia)
Benelli (Cina)
 
2006
Carapelli Sasso e Bertolli (Spagna)
Galbani (Francia)
 
2008
Osvaldo Cariboni (Alstom, Francia)
 
2009
Fiat Avio (divisione Fiat per il settore aerospaziale) (Usa,Inghilterra)
 
2010
Fastweb (Svizzera, aveva già parte delle azioni dal 2007)
Belfe (Sud Corea)
Lario (Sud Corea)
Boschetti alimentare (confetture) (Francia)
2011
Gancia (Russia)
Fiorucci (salumi) (Spagna)
Parmalat (Lactalis, Francia)
Bulgari (Francia)
Brioni (Francia)
Wind (Russia, prima Egitto)
Edison (Francia)
Mandarina Duck (Sud Corea)
Loquendo (leader nelle tecnologie di riconoscimento vocale) (Usa)
Eridania (zucchero) (Francia)
 
2012
Star (Spagna) Controlla i marchi RisoChef, Pummarò, Sogni d’Oro, GranRagù Star, Orzo Bimbo ed Olita
Ducati (Germania)
Eskigel (produzione gelati per varie catene di supermercati) (UK)
Valentino (Qatar)
Ferretti (nautica) (Cina)
AR Pelati (pomodori) (Giappone)
Coccinelle (Sud Corea)
Sixty (Cina) Proprietaria dei marchi Miss Sixty e Energie
 
2013
Richard Ginori (venduta a Gucci, Francese)
Loro Piana (Francia)
Pernigotti (Turchia)
Chianti Gallo Nero Docg (Cina)
Pomellato (Francia)
Scotti Oro (Spagna per il 25%)

 

La grafica del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana nel 1910 con la direzione BERTINI FRASSONI.

 

 

 

Nella foto l'edizione 1937-39 del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA del Collegio Araldico Romano (era BERTINI FRASSONI). Come si vede per due edizioni cambio addirittura nome in LIBRO DELLA NOBILTA' ITALIANA (senza d'ORO), e il colore della copertina era un blu elettrico, (non blu scuro), e le scritte in oro, e la corona erano a rilievo, e non piatte come nelle serie dell'era COLONNELLO BERTINI FRASSONI (erede dei BERTINI FRASSONI).

In realtà nel corso degli anni, per colore e materiale, nessuna edizione è stata identica alla precedente.

 

 

L'EDIZIONE DEL 1940-1949-color carta da zucchero, con corona definita in filo oro.

 

L'EDIZIONE DEL 1979-1982-color blu cobalto con corona e fregi in rilievo, bombati.

 

 

L'EDIZIONE DEL 1973-1976-color azzurro, con corona delineata in filo oro.

 

 

 

L'EDIZIONE DEL 1950-1957-color blu elettrico, con corona e fregi in rilievo, bombati.

 

 

 

Due copie del Libro BLU SCURO, e non più l'iniziale BLU COBALTO e il successivo BLU SCURO, stampate in anni diversi, vediamo infatti che per colore, veste grafica e tipografica, sia esterna che interna, ancora una volta si tratta di un ulteriore modifica che si discosta inevitabilmente dalle copertine delle serie precedenti. Nella foto la comparazione dell'attuale copertina plastificata color BLU-SCURO, e della copertina BLU-COBALDO della serie degli anni 80 in seta. Valerio B.

 

 

 

 

 

Nelle foto, i diversi colori del Libro d'Oro amministrato dai BERTINI FRASSONI, e quello amministrato dalla famiglia COLONNELLO. Nelle varie edizioni, come vediamo: blu- cobalto, blu -scuro, blu- elettrico, blu-laguna, blu-turchese. Prova fotografica del fatto che da un edizione all'altra, questa pubblicazione, non è mai stata fedele a se stessa, nemmeno nei colori, oltre che negli amministratori, perdendo quindi inequivocabilmente la sua linea di continuità. I COLONNELLO non sono gli ESTINTI BERTINI FRASSONI. Sono due famiglie differenti!

 

 

 

 

 

L'edizione 25esima 2015-2019.

 

 

Rispondo a B.N.

Concordo con B.N.

Come dice la stessa parola in copertina, si tratta di una NUOVA SERIE, non di un

CLONE! L'opera è stata inoltre depositata alla camera di commercio come marchio, quindi adesso la Ettore Gallelli-edizioni, è il solo ed unico marchio, proprietario ANCHE della nuova serie del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA.

Anche questo fedele aggiornamento della serie amministrata dal Collegio Araldico dal 1910 al 2010 è quindi OGGI amministrata dall'U.N.I.

 

1-LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA -CONSULTA ARALDICA DEL REGNO D'ITALIA-SERIE AGGIORNATA

2-ELENCO UFFICIALE DELLA NOBILTA' ITALIANA-SERIE AGGIORNATA

3-CALENDARIO REALE-SERIE AGGIORNATA

4-CALENDARIO D'ORO

Tutti fedeli aggiornamenti di storiche serie non più in commercio.

F.C.

 

18.09.2014

Che poi, la cosa più importante, non è tanto il colore della copertina, ma è stato il fatto che grazie alla ETTORE GALLELLI-EDIZIONI, questo storico repertorio nobiliare, è stato SANATO da un punto di vista legale. La Ettore Gallelli-edizioni, lo ha infatti rilevato, depositandolo presso l’ufficio pubblico generale delle opere protette dalla legge sul diritto d’autore (art. 103 L. 633/1941); nonché tutti gli altri depositi legali, sanando quindi di fatto il suo status di illegittimità editoriale, del quale si è lungamente parlato in questo forum.

M.B.

 

20.09.2014

Rispondo a M.B.

Verissimo!

Era un opera clandestina, poichè mai registrata presso gli appositi organi editoriali, competenti, è ora lecita, poiché i depositi legali sono stati fatti dal nuovo editore.

Sandro N.

 

27.09.2014

Esatto!

Ringraziamo tutti l'editore, per aver rilevato l'aggiornamento del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, del Collegio Araldico romano, che diversamente sarebbe rimasto invece fermo all'edizione del 2010, non a caso quell'associazione araldica, non lo edita più, essendosi infatti fermata appunto al 2010 con l'edizione 24esima.

Matteo M.

 

28.09.2014

Fortuna che il testimone è passato a quelli del Circolo della caccia!!

Sarebbe davvero stato un peccato dopo 100 anni di edizioni!!

F.G.

 

1.10.2014

Rispondo a Matteo M.

Confermo l'edizione venticinquesima 2015-2018 della nuova serie corrente del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, è stato rilevato anch'esso dalla Ettore Gallelli-edizioni, pagando tutti i diritti, attraverso regolare deposito presso l’ufficio pubblico generale delle opere protette dalla legge sul diritto d’autore (art. 103 L. 633/1941). Tecnicamente è l'unica, sola, nuova serie, legittimata ad aggiornare il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA edito fino al 2010 dal Collegio Araldico Romano.

Saluti M.M.

 

L'edizione 25esima 2015-2019 del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana.

 

5.10.2014

Ringrazio anch'io l'editore, barone Gallelli, per questa bella e doverosa iniziativa!!

Diversamente sarebbe rimasto invece fermo all'edizione del 2010!!

Matteo M.

 

8.10.2014

Anch'io ringrazio la Ettore Gallelli-edizioni per questi sforzi editoriali, sapendo inoltre che gestisce anche altre 5 pubblicazioni.

Matteo M.

 

10.10.2014

Pure io in questa sede, voglio esprimere i miei ringraziamenti all'editore, per aver deciso di aggiornare il LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA DEL COLLEGIO ARALDICO ROMANO.

Matteo M.

 

12.10.2014

Un grazie anche da parte mia!!

Chissà... che fine avrebbe fatto, se il barone Gallelli non lo avesse rilevato, aggiornandolo?

Matteo M.

 

14.10.2014

Salve, ma................che fine ha fatto il conte Colonnello Bertini Frassoni, l'ex editore del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA del Collegio Araldico?

Brazie

M.B.

 

8.10.2014

Mi hanno detto che...........Gallelli, ha rilevato anche la nuova serie della RIVISTA ARALDICA.

L.L.

 

10.10.2014

Rispondo L.L.

Esatto!

Praticamente la Ettore Gallelli-edizioni, ha rilevato tutto il rilevabile su mercato!

L'unico altro concorrente su mercato rimane l'editore dell' Annuario della Nobiltà Italiana. Il mercato Italiano dei repertori, nobiliari, periodici, è quindi spartito da questi due editori.

Gianni M.

 

 

 

RIVISTA ARALDICA -NUOVA SERIE, unica, legittima, continuazione di quella amministrata dal COLLEGIO ARALDICO dal 1903 al 2010.

 

 

La registrazione della RIVISTA ARALDICA -NUOVA SERIE, presso il registro del diritto d'autore.

 

13.10.2014

Rispondo a Gianni M.

Confermo, ciò è avvenuto a seguito del fatto che il Consiglio Direttivo del Circolo Calabrese della caccia alla volpe a cavallo, avendo vinto il contenzioso contro il Collegio Araldico Romano, per il diritto all'uso in commercio del nome LIBRO D'ORO, ha anche rilevato il diritto ad aggiornare il LIBRO D'ORO del Collegio Araldico Romano (CHE INFATTI NON LO EDITA PIU').

M.L.

 

15.10.2014

Salve, io ho invece notato che la nuova serie del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, è differente dalla vecchia serie, anche nelle sezioni interne. Difatti nella nuova serie è stata (GIUSTAMENTE) soppressa la SECONDA PARTE, che nella vecchia serie censiva invece famiglie NOTABILI (NON NOBILI), come dichiarato dalla stessa prefazione di quell'opera, edizione 2010-2014. La nuova serie del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, ha quindi un unica, sola, sezione, ove finalmente sono censite di fatto solo le famiglie davvero nobili, quindi così composta:

-A-Famiglie che hanno ottenuto un riconoscimento nobiliare da parte del Regno Italiano (R.I.)

-Presenti nel Libro d'Oro della nobiltà Italiana.

-Presenti negli Elenchi Ufficiali Nobiliari del 1921 del 1933 e del supplemento

1934-1936.

B-Famiglie che abbiano ottenuto (dopo il primo gennaio 1948) un provvedimento di Grazia di Re Umberto II (U. II)

C-Famiglie Italiane la cui nobiltà sia stata riconosciuta dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, del solo ramo monarchico Spagnolo. (S.M.O.C.)

M.M.

 

1.11.2014

Rispondo a B.L.

E.................beh lo credo che non lo edita più, quella testata non è più del Collegio Araldico Romano!!!

A.B.

 

 

 

 

La registrazione presso l'Uffico per la tutela del diritto d'autore, del Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, in data 8 luglio 2014 da Ettore Galleli-editore.

 

11.12.2014

Salve.

Ma come mai nell'edizione 25esima -2015-2018 è stata soppressa la SECONDA PARTE dell'opera?

Grazie

A.Rossi.

 

12.12.2014

Rispondo a A. Rossi.

Parlando con alcuni membri del Circolo, mi è stato riferito che, è stata una scelta di logica editoriale, in quanto la seconda parte del LIBRO D'ORO DEL COLLEGIO ARALDICO, come si legge a pag. ---della PREFAZIONE dell'edizione 24esima 2010-2014 (l'ultima amministrata dal Collegio Araldico Romano), censiva solo le famiglie NOTABILI. Dopo aver rilevato la nuova serie, in febbraio 11 FEBBRAIO 2014, il nuovo editore, attenendosi al regolamento tecnico-araldico, stilato dalla Regia Consulta del Regno d'Italia, ha quindi semplicemente ABOLITO la seconda parte dell'opera, limitandosi a proseguire gli aggiornamenti anagrafici e genealogici delle famiglie NOBILI, appunto censite nella PRIMA PARTE DI QUELL'OPERA.

Cordialità

M.O.

 

15.12.2014

Buona sera, confermo tutto quanto detto in questo forum!

Giusto ieri ho telefonato al Collegio araldico Romano, ove mi hanno confermato che infatti l'opera non è più pubblicata da loro. E' quindi vero che è cambiato l'editore!

Giulio T.

 

17.12.2014

Rispondo a Giulio T.

Aggiungo inoltre che nell' edizione 25esima 2015-2018 del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, sono state eliminate le famiglie NOBILITATE dal C.N.I. E quelle “RICONOSCIUTE” dall'Ordine dei cavalieri di Malta. A dimostrazione che come più volte detto nel presente forum, questi due enti non erano legittimati a nobilitare proprio nessuno! Non a caso in praticamente tutti i repertori nobiliari in commercio, questi due enti non sono presi in considerazione, non sono infatti menzionati quali probatori di nobiltà, poiché in contrasto proprio col Regio Decreto N. 652 del 1943 dell'ultimo statuto fondamentale del Regno d'Italia, che appunto sancisce la regia prerogativa in materia nobiliare. Diversamente dal S.M.O.C. di San Giorgio, che avendo invece come Gran Maestro S.A.R. Don Carlos di Borbone, Infante di Spagna, cugino primo del Re di Spagna, gode di un effettivo, legittimo, riconosciuto avallo nobiliare della monarchia Spagnola. Infatti non a caso, anche nella 25 edizione 2015-2018 del LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, vi troviamo famiglie nobilitate da quest'ordine (oltre che quelle del Regno d'Italia, e gli Umbertini).

Cordialità N.M.