FacebookRSS Feed





23.09.2014


COMUNICATO
Nel Bollettino dell'Associazione Piemontese VIVANT N. 151 in stampa per ottobre 2014, diretto dal Conte Fabrizio Antonielli d'Oulx (membro del C.N.I.) si consiglia di non aderire alle "INSISTENTI" richieste di soldi da parte

Leggi tutto...

27.08.2014

Su sito ASNI http://www.asni.it/notizie nonché sulla relativa pag. Facebook https://www.facebook.com/associazionestoricadellanobiltaitaliana?fref=ts
viene pubblicata il seguente trafiletto:

Leggi tutto...

 

26.08.2014


CON LA PRESENTE LA INFORMIAMO CHE, POICHE' SULLA PAG. http://www.asni.it/notizie
IL CONSIGLIO DI PRESIDENZA A.S.N.I. HA AVVIATO UNA CAMPAGNA AGGIORNAMENTI PIRATA, RELATIVAMENTE AL LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA. SI RICORDA INFATTI CHE, LA PREDETTA OPERA, E' IL RELATIVO MARCHIO, SONO STATI REGISTRATI AI SENSI DI LEGGE, NELLE OPPORTUNE SEDI COMPETENTI DA ETTORE GALLELLI-EDITORE.

26.08.2014


Sul sito ASNI http://www.asni.it/notizie nonché sulla relativa pag. Facebook https://www.facebook.com/associazionestoricadellanobiltaitaliana?fref=ts viene pubblicata il seguente trafiletto:
<<L'ASNI è nata il 17 maggio 2014 sotto l'ègida del Corpo della Nobiltà Italiana (CNI), allo scopo di promuovere, diffondere e valorizzare il patrimonio storico e sociale legato alle famiglie nobili italiane iscritte al Libro d'Oro della Nobiltà Italiana (edito dal 1910 a cura del Collegio araldico Romano sotto la supervisione scientifica del CNI) del quale è chiamata a curarne gli aggiornamenti>>.
Al contrario dei proclami divulgati da A.S.N.I., proprio un membro della Presidenza del C.N.I. in data odierna ci comunica che non risulta che il C.N.I. abbia mai legittimato, avallato, appoggiato, alcuna A.S.N.I. Ne ovviamente mai il C.N.I. si è rivolto all'A.S.N..I per aggiornare un Libro che non è suo.
A dimostrazione ancora una volta che il Consiglio Direttivo dell'A.S.N.I. diffonde informative destituite di qualsiasi veridicità. Si ringrazia il nobile F.A. membro del Consiglio di Presidenza del C.N.I.
F.A.

5.08.2014

CON LA PRESENTE LA INFORMIAMO CHE, POICHE' IN DATA 4.08.2014 ALLE ORE 9:05 A PAG. http://www.asni.it/notizie IL CONSIGLIO DI PRESIDENZA A.S.N.I. HA PUBBLICATO LA FALSA NOTIZIA, SECONDO LA QUALE L'EDITORE ETTORE GALLELLI AVREBBE SUBITO UNA SENTENZA DI
CONDANNA PER DIFFAMAZIONE, CALUNNIA, E VIOLAZIONE DEL COPYRIGHT (COSE DESTITUITE DI QUALSIASI VERIDICITA', POICHE' MAI ACCADUTE), L'INTERO CONSIGLIO DI PRESIDENZA A.S.N.I. IN DATA 4.08.2014 ALLE ORE 18:22 E' STATO QUINDI DENUNCIATO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PER ASSOCIAZIONE A DELINQUERE, FINALIZZATA ALLA DIFFAMAZIONE, CALUNNIA, CONFUSIONE COMMERCIALE, E VIOLAZIONE DEL COPYRIGHT, RELATIVAMENTE AL LIBRO D'ORO DELLA NOBILTA' ITALIANA, (OPERA REGISTRATA PRESSO IL PUBBLICO REGISTRO PER LA TUTELA DEL DIRITTO D'AUTORE DAL MARCHIO ETTORE GALLELLI-EDITORE, AI SENSI DI LEGGE). A DIMOSTRAZIONE DELLE FALSITA' INVENTATE DA CODESTA ASSOCIAZIONE, IL CUI SEGRETARIO GENERALE, NON A CASO E' UN NOTO MILLANTATORE, COME PURE RIFERISCE IL GIORNALE http://www.ilgiornale.it/news/ne-hanno-fantasia-repubblica-forse-anche-troppa.html
IL SEGRETARIO
BIAGIO ZIRILLI 

04.08.2014

ATTENZIONE RAGGIRO IN CORSO

Alla pag. http://www.asni.it/notizie viene data la notizia di una INESISTENTE campagna aggiornamenti per la raccolta dati per la prossima edizione del Libro d’oro della Nobiltà Italiana 2015-19. Si sp...ecifica che l'opera è stata depositata al pubb. uff. perla tutela del diritto d'autore da Ettore Gallelli-editore, ed è giunta nelle migliori librerie specializzate del settore già dal 7 luglio 2014 come riferisce anche il sito http://www.notiziarioaraldico.info/201407126532/libro-doro-nuova-serie/
L'editore inoltre non ha mai autorizzato codesta ASNI a parlare per nome e conto suo. L'ASNI è stata formalmente diffidata dai legali dell'editore per confusione commerciale e concorrenza sleale.
IL SEGRETARIO
Biagio Zirilli

14.07.2014

L'U.N.I (UNIONE DELLA NOBILTA' D'ITALIA CELEBRA I DUE SECOLI

DELL’ARMA DEI CARABINIERI.

L'Arma dei Carabinieri festeggia il 200°
anniversario della sua Fondazione. In questi giorni di Luglio si celebra il
Bicentenario dell'Arma dei Carabinieri voluti da Re Vittorio Emanuele I e da
egli fondati con Regio Decreto del 13 Luglio 1814, il primo comandante fu il Generale Marchese Giuseppe Thaon di Revel. In questo giorno di luglio si
celebra il Bicentenario dell'Arma dei Carabinieri voluti da Re Vittorio
Emanuele I e da egli fondati con Regio Decreto del 13 Luglio 1814, il primo
comandante fu il Generale Marchese Giuseppe Thaon di Revel.
13.07.2014
In data odierna il Consiglio Direttivo dell'Unione della Nobiltà d'Italia-U.N.I. ha raggiunto un accordo ufficiale attraverso il quale il barone Ettore Gallelli (attuale Presidente delegato dell'Unione della Nobiltà d'Italia), ha trasferito alla predetta società, l'amministrazione dei repertori nobiliari (fin ora amministrati dal Club Calabrese per la caccia alla volpe a cavallo).
Il Segretario
Michele Ferrero

12 Giugno 2014

Re Juan Carlos ha annunciato la sua abdicazione

in un discorso agli spagnoli.
"Una nuova generazione reclama giustamente di essere protagonista", ha detto il re ricordando la crisi economica che ha colpito duramente il paese ma rivendicando con orgoglio tutto quello che la Spagna e' stata in grado di fare. Il re ha ricordato
"la trasformazione della Spagna" da lui stesso pilotata. "Desidero esprimere la mia gratitudine -ha aggiunto - al popolo spagnolo a tutte le persone che hanno incarnato il potere e le istituzioni dello stato durante il mio regno e a quantI mi hanno aiutato con generosità e lealtà a svolgere le mie funzioni". "Guidato dalla convinzione di rendere un servizio agli spagnoli e una volta che mi sono ripreso sia fisicamente che nell'attività istituzionale - ha detto ancora il re - ho deciso di porre fine al mio regno e di abdicare al trono di Spagna.

31 Marzo 2014

Rinasce l’Unione Nobiliare Italiana

Vedute le difficoltà organizzative in cui versava il Corpo della Nobilta’ Italiana (CNI), come infatti dimostra il fatto che nel novembre 2010 l’associazione della Sardegna è uscita proprio dal Corpo della nobiltà italiana, seguita poi da altre delegazioni regionali “a seguito di profonde divergenze in tema di riconoscimento di diritti nobiliari”, come dimostra anche il deperimento del sito internet CNI nonchè Wikipedia , al fine quindi di difendere i diritti delle
famiglie nobili Italiane, con rinnovata efficacia, nonchè aiutare le medesime in difficoltà economica, un gruppo di gentiluomini Torinesi, ha concertato di ricostituire l’Unione della Nobiltà d’Italia. In data 27 marzo 2014 alle ore 16:48 è stata quindi formalmente ricostituita l’UNIONE DELLA NOBILTA’ D’ITALIA (U.N.I.) con regolare statuto notarile, firmato presso lo studio notarile Cristino, sito in Corso Re Umberto n.78 a Torino.