FacebookRSS Feed





CREDITI PRESSO L'U.N.I. 

 

BIBLIOTECHE ACCREDITATE
DALL'UNIONE DELLA NOBILTA' D'ITALIA

Biblioteche Nazionali:
• Biblioteca comunale dell'Archiginnasio
• Biblioteca Augusta
• Biblioteca Civica Bertoliana
• Biblioteche italiane
• Biblioteca civica "Renato Bortoli"
• Biblioteca comunale di Castelfranco Emilia
• Biblioteca del Circuito Cinema
• Museo civico del Risorgimento
• Biblioteca comunale Dionisio Roberti
• Museo civico del Risorgimento
• Biblioteca comunale Dionisio Roberti
• Biblioteca Scarabelli
• Biblioteca comunale Augusto Tersenghi
• Biblioteche civiche torinesi
• Biblioteca comunale di Treviso
• Biblioteca Civica di Verona

ENTI CULTURALI ACCREDITATI
DALL'UNIONE DELLA NOBILTA' D'ITALIA

-S.A.G.I.
Casa Editrice
http://www.annobit.it/
-Club Calabrese per la caccia alla volpe a cavallo
http://www.caccialavolpe.it/

 

REPERTORI NOBILIARI PERIODICI
ACCREDITATI PRESSO L'UNIONE DELLA NOBILTA' D'ITALIA

 

 

Annuario della Nobiltà Italiana
http://www.annobit.it/

Libro d'Oro della Nobiltà Italiana-Consulta Araldica del Regno d'Italia -serie aggiornata

 

 

Regio Libro d'Oro della Nobiltà Italiana

 


Elenco Ufficiale della Nobiltà Italiana Consulta Araldica del Regno d'Italia-serie aggiornata

Decano Nobiliare Calabresehttp://www.caccialavolpe.it/index.php?p=decano_nobiliare_calabrese

 

Libro d'Oro della Nobiltà Italiana -nuova serie corrente

Calendario d'Oro-nuova serie

 

ORDINI CAVALLERESCHI ACCREDITATI
DALL'L'UNIONE DELLA NOBILTA' D'ITALIA

 

 

Di seguito si riporta la lista dei principali ordini fondati nel medioevo e la relativa data di istituzione.
• Ordine del Santo Cosma e San Damiano o Ordine dei Martiri, fondato in Palestina nel 1030;
• Ordine di San Giacomo d'Altopascio , detto anche Ordine dei Cavalieri del Tau, sorto in Toscana attorno al 1050 e che, dopo lo scioglimento per bolla pontificia del 1587, confluì, con i suoi beni, nel Sacro Militare Ordine di Santo Stefano Papa e Martire.
• Ordine canonicale del Santo Sepolcro come tale sorto nel 1099: Militi e Canonici, svolgevano la funzione primaria di custodia e guardia d'onore del Santo Sepolcro, officiandovi le funzioni religiose e assicurandone difesa armata. Oggi Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, riordinato come ordine cavalleresco con un nuovo statuto concesso da papa Pio IX nel 1848, iniziando da questa data la serie dei Gran Maestri; allo stato attuale è Ordine vaticano di subcollazione pontificia.
• Cavalieri templari , sorti nel 1118-1119 (ufficializzazione papale nel 1139), soppressi nel1312.
• Ordine di San Biagio e della Vergine Maria , coevo dei Templari, fondato in Palestina sotto la Regola di San Basilio
• Cavalieri di San Lazzaro , sorti nel 1142
• Ordine Militare di San Benedetto d'Avis , fondato in Portogallo nel 1147
• Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni in Gerusalemme , noti anche come Giovanniti, Ospitalieri, Ospedalieri o Gerosolimitani, sorti nel 1050 (ufficializzazione papale nel 1113).
Da essi discendono, con diversi gradi di riconoscimento legale:
• Ordine dei cavalieri di Malta , ordine religioso (erroneamente autodefinitosi sovrano), da cui dipende il Corpo militare dell'ACISMOM, ausiliario dell'Esercito Italiano.
• Venerabile Ordine di San Giovanni (riconosciuto dai paesi del Commonwealth).
• Ordine di San Giovanni del Baliaggio di Brandeburgo (riconosciuto dalla Germania)
• Ordine di San Giovanni del Baliaggio dei Paesi Bassi (riconosciuto dal Regno dei Paesi Bassi)
• Ordine di San Giovanni del Baliaggio di Svezia
• Ordine Militare di Alcántara , fondato nel 1156 nel regno di León
• Ordine Militare del Santissimo Salvatore di Santa Brigida di Svezia , fondato dalla Santa Svedese nel 1366 e approvato da Papa Urbano V nel 1370
• Ordine Militare di Calatrava , fondato nel 1158 nel regno di Castiglia
• Ordine di Santiago o Ordine di San Giacomo, nel 1170
• Ordine di Monte Gioia , fondato nel 1180, unito all'Ordine Militare di Calatrava
• Sacro Militare Ordine Costantiniano di S. Giorgio , sorto nel 1190
• Ordine della Fortuna , fondato all'inizio del IX secolo a Brescia e poi rifondato nel 1190 in Palestina
• Ordine Teutonico , nel 1193
• Ordine di Cipro o Ordine del Silenzio o Ordine della Spada, fondato nel 1195 da Guido da Lusignano a Gerusalemme
• Ordine del Giardino degli Ulivi , fondato nel 1197 da baldovino a Gerusalemme
• Cavalieri Portaspada (in latino: Fratres militiae Christi, in tedesco: Schwertbrüder) è il nome di un ordine monastico militare tedesco costituito nel 1202 da Albrecht von Buxthoeven. La regola era fondata sulla base di quella dei Cavalieri templari. Erano chiamati anche Cavalieri di Cristo, Fratelli della spada o Ordine Livoniano.
• Ordine di Santa Maria della Mercede per la liberazione degli schiavi , fondato nella cattedrale di Barcellona da San Pietro Nolasco, San Raimondo di Penafort e Giacomo I d'Aragona, il 10 agosto 1218;
• Ordine della fede di Gesù Cristo , fondati nel 1220 in Francia
• Cavalieri di San Tommaso , fondato nel 1227
• Milizia di Gesù Cristo , fondata a Parma nel 1233 da Bartolomeo da Breganze
• Crocigeri della Stella Rossa , fondato attorno al 1233 da sant'Agnese di Boemia
• Ordine di San Giovanni e San Tommaso fondato nel 1261 in Palestina
• Ordine di Montesa , fondato nel regno di Aragona nel 1312
• Ordine del Drago , creato nel 1387 da Sigismondo, re d'Ungheria (in seguito imperatore del Sacro Romano Impero).
• Cavalieri Crociati del Sacro Ordine Societas Jesu Christi Società di Gesù fondato il 13 gennaio 1459 da papa Pio II.
• Betlemitani od Ordine militare dei crociferi con stella rossa in campo blu, fondato dal vescovo di Betlemme nel XII secolo.
• Ordine di Santa Maria di Betlemme , creato il 19 gennaio 1459.
• Cavalieri Lauretani , ordine costituito nel 1545 da papa Paolo III.
• la Milizia Aurata o Speron d'Oro è stata "usata" quale titolo di rango e nobilitazione fino al 1841, unico conferimento della Santa Sede a riconoscere nobiltà gentilizia e a concedere nobiltà ereditaria, nonché, con analogo valore, sostituito dall'Ordine Piano e in particolare dal Cavalierato di Prima Classe, poi di Gran Croce, fondato da Pio IX e anch'esso denobilitato da Pio XII nel 1939. Vedere: Cesare Brancaleone, "Legislazione Nobiliare Pontificia-La Nobiltà Romana", Rivista Araldica, Collegio Araldico Romano, 1903 e Temistocle Bertucci, Titoli Nobiliari e Cavallereschi Pontifici, Collana di Monografe Storico-Genealogico-Cavalleresche "Mentore",Roma, 1925 (Anastatica: Edizioni C.L.D. Libri, 2009).
• Insigne Sacro Militare Ordine di Santo Stefano Papa e Martire, creato da papa Pio IV il 1º febbraio 1562 con la Bolla "His quae" (che ne approvò anche gli Statuti) e il cui Gran Magistero con la stessa Bolla fu dato in "affidamento" alla Casa Granducale di Toscana (prima Medici e poi Lorena); nel 1587 per volontà pontificia subentrò nei beni dell'estinto Ordine di San Giacomo d'Altopascio. Oggi si configura canonicamente come "Associazione pubblica di fedeli di fondazione pontificia".

 

Di questi lo Stato italiano riconosce oggi soltanto l'Ordine di Malta, l'Ordine del Santo Sepolcro, l'Ordine Costantiniano di San Giorgio e l'Ordine di S. Stefano P. e M.

 

Ordini cavallereschi femminili

A partire dal XVIII secolo venne ammessa la creazione di ordini cavallereschi ai quali fossero ammessi anche le dame, mentre in precedenza la sola prerogativa di "cavaliere" precludeva alle dame queste onorificenze salvo rarissimi casi. A partire dal Settecento, però, anche il ruolo della donna nella società cambiò ed in particolare questi ordini cavallereschi femminili che sorsero erano improntati ad opere di beneficenza e religiose, pur non tralasciando uno sfondo politico di appartenenza a quello piuttosto che a quell'altro ordine femminile, creando una rete di contatto tra le nobildonne della medesima società. Le insegne di questi ordini erano spesso dei veri e propri gioielli dal momento che venivano indossati dalle dame sui preziosi vestiti di gala come segno di appartenenza e come tali dovevano essere sfoggiati. Nel XIX secolo le donne iniziarono anche ad essere ammesse negli ordini cavallereschi canonici, ma mantennero ad ogni modo delle prerogative loro proprie con la proliferazione di nuovi ordini cavallereschi prettamente femminili che proseguono sino ai nostri giorni in casi emblematici come il Regno Unito. Viene qui di seguito presentato un elenco dei principali ordini cavallereschi femminili fondati nel corso dei secoli (elenco incompleto):
• Anhalt: Ordine di Alberto l'Orso (classi per dame)
• Baden: Ordine della Fedeltà (classi per dame)
• Baviera: Ordine di Teresa
• Baviera: Ordine di Sant'Elisabetta
• Baviera: Ordine di Sant'Anna
• Borgogna: Ordine delle Dame di Rougemont
• Brunswick: Croce al merito per dame
• Bulgaria: Ordine della carità
• Cambogia: Ordine di Satrei Vathana
• Danimarca: Ordine di Amicizia Perfect.
• Regno di Egitto: Ordine della Giustizia (Nishan Kemal al-')
• Etiopia: Ordine della regina di Saba
• Sacro Romano Impero: Ordine dei Virtuosi
• Terzo Reich: Croce della madre
• Filippine: Ordine di Gabriela Silang
• Finlandia: Ordine della Rosa Bianca (classi per dame)
• Grecia: Ordine di Sant'Olga e Santa Sofia
• Grecia: Ordine di Beneficenza
• Gran Bretagna: Ordine Reale di Vittoria ed Alberto
• Gran Bretagna: Ordine della famiglia reale
• Gran Bretagna: Ordine della Corona d'India
• Gran Bretagna: Ordine della Croce Rossa Reale (fino al 1976).
• Assia: Ordine della Stella di Brabante (classi per dame)
• Hohenzollern: Ordine ai benemeriti (classi per dame)
• Giappone: Ordine della Corona Preziosa
• Corea: Ordine della Fenice fortunata
• Lippe-Detmold: Ordine di Berta
• Mantova: Ordine delle dame di Maria Elisa
• Messico: Ordine di San Carlo
• Paesi Bassi: Ordine della Casata d'Orange
• Ucraina: Ordine della principessa Olga
• Austria: Ordine della Croce Stellata
• Austria: Ordine di Santa Teodora
• Austria: Ordine di Elisabetta
• Santa Sede: Rosa d'Oro
• Persia: Ordine del Sole
• Persia: Ordine delle Pleiadi
• Portogallo: Ordine di Santa Isabella
• Portogallo: Ordine di Sant'Elisabetta
• Prussia: Ordine di Luisa
• Prussia: Croce al merito per le donne e per le vergini
• Prussia: Croce al merito per le donne
• Romania: Croce commemorativa per le donne (1878)
• Romania: Ordine ai benemeriti
• Russia: Ordine di Santa Caterina
• Russia: Ordine della Croce Rossa per donne e ragazze
• Russia: Ordine di Sant'Olga
• Sassonia: Ordine di Sidonia
• Sassonia: Ordine di Anna Maria
• Ducati Sassoni: Ordine della Casata Ernestina di Sassonia (classi per dame)
• Sassonia-Merseburg: Ordine del teschio (per donne)
• Schwarzburg Rudolstadt: Ordine delle dame
• Schwarzburg-Rudolstadt e Schwarzburg-Sondershausen: Medaglia d'Onore di Anna Luisa (1915)
• Serbia: Medaglia della principessa Nathalie
• Serbia: Medaglia della regina Nathalie
• Thailandia: Ordine di Chula Chom Klao
• Turchia: Ordine della carità
• Spagna: Ordine della regina Maria Luisa
• Westfalia: Ordine della Corona di Westfalia (classi per dame)
• Württemberg: Ordine di Olga